24 ore Ibiza Cup: arriva l’ultima sfida dell’anno

24 ore Ibiza Cup: arriva l’ultima sfida dell’anno

24 ore Ibiza Cup: arriva l’ultima sfida dell’anno

Si correrà il prossimo fine settimana, il 28 e 29 novembre la 24 ore Ibiza Cup ad Adria. In pista anche Giancarlo Fisichella e Thomas Biagi

chiudi


Le Seat Ibiza in versione Cup sono pronte a tornare in pista per l’ultima sfida dell’anno, forse la più impegnativa: la 24 Ore di Adria, in programma questo weekend, il 28 e il 29 novembre sul tracciato veneto. Venti gli equipaggi iscritti, per un totale di oltre centoventi piloti. Del resto, la Ibiza Cup anche quest’anno si è confermata uno dei Trofei di Marca più gettonati del nostro Paese, con ben venti partenti al via.

I protagonisti più attesi

Tra i protagonisti più attesi della 24 ore Ibiza Cup l’ex pilota di F1 Giancarlo Fisichella e il due volte campione del mondo GT Thomas Biagi. Al via anche Raffaele Giammaria, già campione italiano GT. Da non sottovalutare, inoltre, Alberto Bassi, che quest’anno ha conquistato la classifica della Ibiza Cup con cinque vittorie. Attenzione anche alle “quote rosa”: Carlotta Fedeli, fresca vincitrice delle classifiche Femminile e Junior della Ibiza Cup, e Valentina Albanese, che quest’anno ha vinto il titolo assoluto nel Campionato Italiano Turismo Endurance con una Leon, ma che con la Ibiza ha corso e vinto moltissimo. Al via anche il vincitore della Seat Leon Cup, Jonathan Giacon. A rendere ancora più avvincente la gara, la partecipazione di chi invece sale raramente su un’auto da corsa, come Eugene Kaspersky, CEO e co-fondatore di Kaspersky Lab.

Parla l’ideatore

La Ibiza è una vettura veloce, con un assetto e una telemetria da macchina da corsa, anche se è un’entry level. Esce già con ottime caratteristiche come vettura di serie, e con gli accorgimenti che noi abbiamo fatto diventa un oggetto assolutamente competitivo spiega Tarcisio Bernasconi, responsabile di Seat Motorsport Italia. Abbiamo deciso di partecipare alla 24 Ore di Adria perché vogliamo che questa vettura venga conosciuta e guidata da quanti più piloti possibileVogliamo dare emozioni, ma non soltanto in pista, aggiunge Bernasconi, che cinque anni fa ebbe la felice intuizione di dare il via alla Ibiza Cup.