3 motivi per cui diversi marchi di lusso stanno dicendo no alla pelliccia

1382
3 motivi per cui diversi marchi di lusso stanno dicendo no alla pelliccia

Una recente ondata di marchi di lusso ha annunciato che non useranno più pellicce nelle loro collezioni, il che ha portato ancora una volta alla ribalta la moda e la sostenibilità.

Quando spiegano la loro decisione di rinunciare al materiale, la maggior parte di questi marchi cita una combinazione dei tre seguenti motivi principali: progressi tecnologici nelle fabbricazioni che consentono loro di creare alternative etiche, di lusso, riconoscendo la consapevolezza dei consumatori e il loro atteggiamento nei confronti della pelliccia crudele pratiche e partecipando a un piano di sostenibilità più ampio per l’intera azienda.

Avanzamenti tecnologici

Mentre molti marchi della moda in passato hanno utilizzato la pelliccia sintetica nei loro prodotti, le grandi aziende di lusso hanno sperimentato più lentamente e hanno sviluppato il loro uso di materiali che possono emulare le proprietà “di lusso” della vera pelliccia animale. Michael Kors Holdings Limited solo lo scorso anno ha annunciato la sua decisione di smettere di lavorare con pellicce vere e che tutte le pellicce attualmente in produzione saranno eliminate gradualmente entro la fine di quest’anno.

Atteggiamenti dei consumatori verso pratiche crudeli di pelliccia animale

Con organizzazioni come PETA e Fur Free Alliance sempre più coinvolte nelle pratiche commerciali del settore della moda, alcune aziende hanno ascoltato i loro sforzi e hanno esaminato le loro politiche sulla pelliccia. Quando Giorgio Armani annunciò la propria decisione nel 2016 dieliminare la pelliccia, riconobbe che il passo era parte del loro “riflettere la nostra attenzione sulle questioni critiche della protezione e della cura dell’ambiente e degli animali” e che le pratiche crudeli verso gli animali erano “inutili”.

Piani di sostenibilità a livello aziendale

Poiché la trasparenza ambientale e le pratiche commerciali rispettose dell’ambiente continuano a raccogliere attenzioni, gli sforzi per la sostenibilità sono aumentati solo in termini di urgenza e importanza. L’implementazione di piani di sostenibilità a livello aziendale si è diffusa rapidamente in tutti i settori, ma la moda, in particolare, è stata pronta a rispondere. Aziende come Kering, H & M ed Everlane hanno fatto passi da gigante verso modelli di business sostenibili, ma la domanda sul fatto che la pelliccia sintetica sia un materiale sostenibile porta reazioni contrastanti. Il CEO di Versace, Jonathan Akeroyd, ha dichiarato in un comunicato quando annuncia la sua decisione di vietare la pelliccia che questo “impegno è parte di un programma di innovazione più ampio e sostenibile che la società sta perseguendo,