Abarth 124 spider, DNA tecnico e design italiano

Abarth 124 spider, DNA tecnico e design italiano

Abarth 124 spider, DNA tecnico e design italiano

Presentata al Salone di Ginevra la nuova Abarth 124 spider. Disponibile a partire da settembre, con prezzi a partire da 40mila euro per tutta l’Europa

chiudi


La nuova Abarth 124 spider punta a fare innamorare una nuova generazione di appassionati grazie alle sue prestazioni e al suo DNA tecnico. Assicura un’autentica esperienza roadster, unita a un design tutto italiano. Sarà disponibile a partire da settembre, con prezzi a partire da 40mila euro per tutta l’Europa. La meccanica raffinata e l’impiego di materiali speciali hanno permesso di limitare il peso a soli 1060 kg, per un rapporto peso/potenza di 6,2 kg/cv, il migliore della sua categoria.

La Abarth 124 spider è dotata di un potente e affidabile motore turbo a quattro cilindri da 1,4 litri con tecnologia MultiAir. Il propulsore eroga 170 CV (ovvero circa 124 cavalli per litro) e 250 Nm di coppia, per una velocità massima di 232 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,8 secondi. Inoltre, dal momento che il ruggito del motore è un elemento fondamentale in ogni vettura Abarth, la dotazione di serie comprende lo scarico Record Monza con sistema dual mode che permette di variare il percorso dei gas di scarico al variare del regime del motore e di generare un suono intenso e profondo.
La spider è disponibile con cambio manuale a 6 marce o con il cambio automatico Sequenziale Sportivo Esseesse. Il primo garantisce innesti precisi e rapidi, grazie alla leva diretta a corsa corta. Il cambio Sequenziale Sportivo Esseesse è stato oggetto di un’attenta messa a punto per sfruttare la meglio la coppia del motore e trasmettere sensazioni dirette e non filtrate. Gestibile sia attraverso la leva sul tunnel che attraverso le palette al volante, offre cambiate rapidissime.

Fiat 124 Abarth

Abarth 124 spider, lo scorpione dentro… e fuori

Il design della Abarth 124 spider riflette lo schema meccanico della vettura (caratteristica chiave per ottenere proporzioni perfette in una vettura sportiva): il lungo cofano sottolinea l’importanza del motore e la grande potenza della vettura, i corti sbalzi ne esaltano l’agilità e l’abitacolo vicino all’assale posteriore per permettere al guidatore di sentire la strada.

Fiat 124 Abarth

Il rapporto abitacolo/cofano è simile a quello delle auto da corsa. Dal parafango anteriore emerge una linea orizzontale che si slancia verso il retro poi raccordarsi alla linea posteriore vicino al fanale: è una chiara reinterpretazione della carrozzeria della storica 124 spider. Il design è stato sviluppato pensando alle prestazioni: l’ampia presa d’aria del paraurti anteriore e l’estrattore aerodinamico di quello posteriore sono stati affinati in galleria del vento, come pure lo spoiler posteriore e il frangivento che contribuiscono a gestire al meglio i flussi d’aria.