Aston Martin Vanquish Zagato Concept. Debutto a Villa d’Este

Aston Martin Vanquish Zagato Concept. Debutto a Villa d’Este

Aston Martin Vanquish Zagato Concept. Debutto a Villa d’Este

La Aston Martin Vanquish Zagato Concept debutta al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este nella esclusiva classe Concept Car e Prototipi, ponte ideale tra passato e futuro

chiudi


Andrea Zagato è abituato da diversi anni a stupire il raffinato pubblico di Villa d’Este proponendo la interpretazione in stile “Zagato” delle più prestigiose granturismo. Quest’anno è la volta della Aston Martin Vanquish, ultimo frutto della storica collaborazione tra l’atelier milanese e la Casa britannica, iniziata nel lontano 1960 con la DB4 GT Zagato.

Le “gobbe” firmano il tetto

La Aston Martin Vanquish Zagato Concept nasce dall’impegno congiunto tra Andrea Zagato e Marek Reichman, direttore del centro stile della Casa britannica. Va subito detto che la “firma Zagato” è evidente negli stilemi classici del marchio a partire dalle inconfondibili doppie “gobbe” sul tetto che fin dagli anni Cinquanta contraddistinguono le vetture vestite dall’atelier milanese. La soluzione nacque per offrire un perfetto alloggio ai caschi dei piloti senza avere alcuna influenza negativa sull’aerodinamica della vettura. Da allora le “gobbe” sono diventate una sorta di “firma stilistica” che permette di distinguere al primo colpo d’occhio le auto che portano la prestigiosa “Z”.

Una Vulcan più elegante e raffinata

L’impronta Aston Martin si nota invece in una certa somiglianza con la supercar da pista Vulcan e i richiami più o meno evidenti alla One-77 e alla DB11 della quale mutua alcune soluzioni aerodinamiche. Interessante la scelta del portellone posteriore che facilita l’accessibilità al vano bagagli. Gli interni sono sportivi, ma non mancano ricercate raffinatezze come i particolari di fibra di carbonio e di bronzo anodizzato. Una “Z” riportata sugli appoggiatesta sottolinea l’esclusività dell’Aston Martin Vanquish Zagato Concept.

Un super motore da 600 cavalli

La one-off ha la carrozzeria interamente realizzata in fibra di carbonio, mentre il motore è il V12 da 6.0 litri dell’Aston Martin Vanquish anche se ha subito una vigorosa cura ricostituente capace di portare la potenza massima a 600 cavalli.

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella fotogallery