Audi h tron quattro concept: l’idrogena di domani

Audi h tron quattro concept: l’idrogena di domani

Audi h tron quattro concept: l’idrogena di domani

Audi h tron quattro concept conquista il NAIAS. Grande autonomia, brevi tempi di rifornimento, prestazioni su strada sportive. L’idrogeno propulsione ad emissione zero di domani.

chiudi

Caricamento Player...

L’Audi h tron quattro concept, in mostra in questi giorni al NAIAS di Detroit, rappresenta un ulteriore significativo passo della Casa dei quattro anelli sull’evoluzione delle vetture a propulsione a idrogeno, le sole in grado di garantire davvero emissioni zero e nel contempo fornire prestazioni a livello dei migliori propulsori a benzina.

L’auto viaggia in modalità esclusivamente elettrica, utilizzando l’idrogeno come fonte di energia propulsiva. L’unità combina una cella a combustibile di ultima generazione, con potenza fino a 110 kW, a una batteria che permette una potenza supplementare di 100 kW.

I due motori elettrici sull’assale anteriore e sull’assale posteriore danno vita a un nuovo stadio evolutivo della trazione quattro: la trazione quattro elettrificata. Il motore elettrico anteriore sviluppa 90 kW (122 CV), quello posteriore 140 kW (190 CV). Una gestione intelligente coordina
l’interazione dei motori a seconda delle situazioni, privilegiando il parametro dell’efficienza. È finalizzato all’efficienza anche l’impiego di una pompa di calore per la climatizzazione dell’abitacolo e di un grande tetto solare, che genera fino a 320 watt di potenza e consente un’autonomia supplementare di 1000 km l’anno.

Le prestazioni della Audi h-tron quattro concept sono da SUV sportivo. Passa infatti da 0 a 100 km/h in meno di sette secondi, mentre la velocità massima è limitata a 200 km/h.

I serbatoi dell’idrogeno possono essere riforniti in modo sicuro e veloce in appena quattro minuti; l’autonomia può raggiungere i 600 chilometri.

L’Audi h-tron quattro concept è lunga 4,88 e larga 1,93 metri, ma ha un’altezza di soli 1,54 metri. La dinamica silhouette, che ricorda una coupé, è caratterizzata dalla parte vetrata dell’abitacolo
estremamente bassa e molto allungata verso la zona posteriore.

I proiettori sono suddivisi in due settori. Quello superiore genera la luce mediante la nuova tecnologia laser Matrix ad altissima risoluzione. Il settore inferiore imita le lamelle del single frame e realizza l’illuminazione caratteristica del modello. Oltre alle caratteristiche luci di marcia diurna di colore bianco, gli elementi OLED (organic light emitting diode, diodi luminosi organici) irradiano lateralmente e verso l’alto una luce omogenea blu.

Le longarine sottoporta integrano una fascia di luci realizzata con tecnologia LED Matrix, che si illumina di luce bianca quando il conducente si avvicina al prototipo con la chiave/telecomando. Quando la vettura viaggia in modalità pilotata, lateralmente si illuminano delle linee orizzontali blu.

Lo spazioso e confortevole abitacolo è concepito per quattro persone e un bagagliaio da 500 litri. Un software intelligente supporta le operazioni di carico: rileva i bagagli attraverso due piccoli sensori e mostra l’ordine di carico ottimale su un monitor applicato nell’apertura del portellone posteriore.

L’Audi h-tron quattro concept è anche un “laboratorio” che anticipa le tecnologie per la guida e il parcheggio pilotati che saranno introdotti sulle vetture di serie a partire dal 2017 con la futura generazione dell’ammiraglia A8. Nelle Audi il cuore della guida pilotata è rappresentato dal zFAS, l’unità di controllo centrale dei sistemi di guida. Questa calcola in tempo reale un modello completo della zona circostante alla vettura e mette le informazioni a disposizione dei sistemi di assistenza e dei sistemi per la guida e il parcheggio pilotati. Questi ultimi possono assumere il controllo della vettura in fase di parcheggio o nel traffico Stop-and-Go in autostrada fino a 60 km/h.

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella galleria fotografica