Auto e Moto d’Epoca. Il Salone della passione è a Padova

Auto e Moto d’Epoca. Il Salone della passione è a Padova

Auto e Moto d’Epoca. Il Salone della passione è a Padova

chiudi

Auto e Moto d’Epoca, apre i battenti. 16 marchi internazionali e i loro ultimi modelli in anteprima, 4500 auto storiche in vendita

Siamo il primo salone automobilistico in Italia e il più grande mercato Classic d’Europa. Eppure, Auto e Moto d’Epoca non è un salone dell’auto. E’ il salone della passione dove i modelli che hanno fatto la storia incontrano quelli che la faranno e dove chi ama il mondo dell’auto può abbracciare la sua evoluzione in un unico sguardo. E’ in questa continuità tra passato, presente e futuro che cresce la passione. Un patrimonio di civiltà, design e progresso tecnico che si trasferisce ad ogni nuovo modello in una linea continua che è tanto più amata quanto è più netta e demarcata.
Così Mario Carlo Baccaglini descrive il “suo” Salone giunto quest’anno alla 33esima edizione.

Le anteprime nazionali di 16 brand

Come dargli torto, Auto e Moto d’Epoca (20-23 ottobre) è cresciuto progressivamente negli anni. Dopo essere diventato uno dei più importanti mercati europei di auto storiche e classiche, punto di riferimento per i collezionisti di tutto il mondo, ha saputo attirare i grandi brand automobilistici che lo hanno scelto per presentare in anteprima al pubblico italiano le novità presentate a livello mondiali nei grandi Saloni d’autunno. Ecco dunque ben 16 Case con le loro anteprime nazionali: dalla nuova Citroen C3 all’ultima nata della serie Discovery Land Rover. A fianco la F-Type SVR di Jaguar: la più performante della serie e un modello ancora non circolante in Italia. Protagonisti il Levante, l’atteso primo SUV di Maserati, la nuova Abarth 124 Spider, la R8 Spyder di Audi e la Giulia Alfa Romeo con pack lusso. Il marchio simbolo del lusso francese – DS – porta la nuova DS 5 Hybrid. La tradizione della Stella Mercedes nel Motorsport è celebrata dalla monoposto impegnata nel Mondiale F1 2016 alla racecar Mercedes-AMG GT3. Pagani porta l’eccellenza delle sue supercar. Porsche espone, tra le altre, la nuova 718 Cayman. Tesla si presenta con i suoi modelli di punta – le elettriche di alta gamma Model S e Model X – mentre Volkswagen celebra i 40 anni della Golf GTI con il modello Clubsport realizzato per celebrare l’anniversario. Volvo propone un focus completo sulle vetture legate indelebilmente al suo immaginario: le station wagon dalla Duett alla nuova V90 con alcuni pezzi che hanno fatto la storia delle familiari in Italia come l’indimenticabile Polar.

Il filo rosso che lega presente e passato

Il filo rosso tra presente e passato che contraddistingue Auto e Moto d’Epoca porta a pezzi, spesso unici, che le stesse Case mettono in mostra a Padova per sottolineare il loro glorioso passato. Ecco dunque Alfa Romeo esporre la “Timeless Elegance” della Collezione di Arese; Abarth la storica Fiat 124 Abarth Gruppo 4; Audi la D-TYPE sulla quale Tazio Nuvolari corse e vinse; DS il comfort, le linee e le innovazioni che stupiscono ancora a decenni di distanza della DS 19 e DS 21 Prestige Chapron; Peugeot due vetture d’eccezione: la trentennale 205 Cabrio e la 402 Eclipse arrivata direttamente dal museo di Sochaux. Mercedes con le icone del Motorsport dalla mitica monoposto W196 alla 450 SLC ‘Bandama’; Porsche la 911 SC Safari che gareggiò nell’East African Safari Rally del 1978 con pochissime modifiche rispetto ai modelli di serie.

La Ferrari Touring Superleggera e la Jaguar rosa

L’Heritage è anche la prima “vera” Ferrari e la prima Lamborghini di serie Touring Superleggera; i gioielli Lamborghini dalla Miura alla Super Trofeo; la prima vettura mai costruita in Italia; la gioia di vivere degli anni ’50 del Museo Nicolis; Scuderia Jaguar Storiche con un modello che, nel 1955, conquistò addirittura la foto di copertina dell’edizione di Capodanno del magazine statunitense Car Life. È un’incredibile XK120 OTS di colore rosa che venne impiegata come star nello spettacolo di pattinaggio artistico Icycles of 1955. A fianco, sullo stand, uno dei 5 esemplari esistenti al mondo e immatricolati per circolare su strada della Jaguar Palmer JP1 progettata dall’ex pilota di Formula 1 Jonathan Palmer, in collaborazione con Jaguar nel 2003.

Massiccia presenza dei club storici

Decine, inoltre, i club storici partecipanti ognuno con una storia da raccontare e un mito da condividere. Tra le vetture che hanno fatto la storia non potevano mancare Lancia, rappresentata da ben 5 club per i 110 anni di storia – e la mitica 500. Quest’anno il Fiat 500 Club Italia porta una rassegna completa di tutte le serie: N del 1957, D del 1965, F del 1968, L del ’71 ed R del ’73. Il Club – 21mila soci di cui il 25 per cento sotto i quarant’anni – si prepara già da ora a celebrare il 60esimo anniversario dell’auto che, più di ogni altra, racconta il volto più sorridente del made in Italy nel mondo.

4500 modelli in vendita

Il settore delle auto in vendita, intanto, si conferma il più grande d’Europa con 4500 modelli a disposizione degli appassionati che coprono l’intero spettro dell’Automotive. Ci sono pezzi unici in Italia come la Pegaso; auto rarissime degli anni ’50 come la Ferrari 250 e cabriolet, berline e coupé di ogni epoca e marca. Presenti alcune delle auto più belle mai prodotte: Porsche Speedster, Mercedes Ali di Gabbiano e la sua sorella 300 SL roadster, Maserati 350, Alfa 6C 1750, Ferrari Dino 246 e Ferrari 275, il mitico Testa Rossa, le Porsche 959 e 993 Turbo 4S e 2s sia cabrio che coupé, le Jaguar XK 120 e 140, le Lamborghini Urraco e Countach, Miura S e Miura SV.

Guarda la fotogalley