Baita 1697: un lusso unico nelle alpi italiane

297

Quando l’interior designer Lucie McCullough ha incontrato l’architetto Daniele Ronchail nelle Alpi italiane sopra Torino (Torino) un decennio fa, il futuro del loro design collaborativo si è radicato nel passato.

La loro ristrutturazione è una baita di lusso che fonde la costruzione tradizionale con l’interior design globale. La chiave del loro lavoro pionieristico – Baita 1697 – unisce il gusto internazionale con metodi e materiali locali.

Il lodge è situato in posizione strategica: a due minuti a piedi da un negozio di noleggio sci, e da lì altri tre minuti a piedi dal tram che porta a 70 impianti di risalita e 249 piste da sci. E’ anche a pochi minuti dalle piste da sci di fondo, da un campo da golf estivo, nonché da escursioni all’interno della splendida valle di montagna e del parco naturale della Val Troncea.

I nuovi proprietari di Baita nel 1697 capirono che il loro successo dipendeva dal lavoro con i locali. Prima ancora di acquistare una casa, la McCullough e suo marito hanno accettato di lavorare con l’architetto Ronchail. “Lucie ha detto … per l’esterno, tu vieni dalla valle e sai cosa fare.” Lei e suo marito Ronan hanno la stessa sensibilità; sono completamente coinvolti nella vita di questo villaggio “.

Il design degli interni, con tessuti lussuosi e lussuosi divani lunghi davanti a scoppiettanti camini, è confortevole e accogliente. Alcuni mobili e dipinti provengono da diversi paesi in cui McCullough ha vissuto e viaggiato, tra cui Mongolia, Bhutan, Myanmar, Francia, Tailandia e India.