BMW 2002 Hommage. Omaggio alla mitica 2002 Turbo

BMW 2002 Hommage. Omaggio alla mitica 2002 Turbo

BMW 2002 Hommage. Omaggio alla mitica 2002 Turbo

BMW 2002 Hommage. La Casa bavarese sceglie la “sua” Villa d’Este per presentare una one-off, interpretazione terzo millennio della 2002 Turbo del 1973

chiudi


Sembra strano, ma il colosso dell’industria automobilistica mondiale che è oggi la BMW deve il successo ad alcuni modelli che negli anni Settanta divennero delle vere icone tra gli sportivi di tutto il mondo. Ad aprire la strada fu nel 1973 la 2002 Turbo, prima vettura di serie ad essere equipaggiata con un propulsore che sfruttava la tecnologia turbo per portare la potenza ai livelli delle super sportive del doppio di cilindrata.

Una vera belva da domare

La 2002 Turbo venne presentata al Salone di Francoforte suscitando un enorme scalpore. Derivata dalla 2002 ti, grazie al turbocompressore disponeva di ben 170 CV ciò le consentiva di raggiungere una velocità di massima di oltre 210 km/h e di scattare da 0 a 100 km/h in soli 7 secondi. All’epoca non esistevano sistemi di controllo della trazione e dispositivi elettronici, la BMW 2002 Turbo era una vera belva da domare, riservata a piloti esperti, ma se ci sapevi fare non ce ne era per nessuno.

La scritta provocatoria

Di questo erano ben consci a Monaco che la vestirono con una carrozzeria su misura capace di esaltarne al massimo potenza e aggressività. Disponibile solo nei colori bianco, argento e nero, aveva parafanghi in plastica allargati e sfoggiava lungo le due fiancate e sul frontale delle strisce adesive dei colori della Motorsport, rosso, blu e azzurro. Sul frontale poi, risaltava la scritta 2002 Turbo speculare, in tal modo a chi si trovava davanti bastava uno sguardo allo specchio retrovisore per capire che era meglio mettersi da parte e lasciare strada.

Cattiva e aggressiva come la sua antenata

A questa straordinaria vettura antesignana della fortunata famiglia M3, la Casa di Monaco ha voluto rendere omaggio, presentando a latere del Concorso d’Eleganza di Villa d’Este, la BMW 2002 Hommage interpretazione terzo millennio della mitica coupé sportiva. La carrozzeria è caratterizzata dall’aggressivo frontale a muso di squalo col tipico doppio rene BMW e la celebre scritta speculare. Marcati i dettagli aerodinamici, come i grandi spoiler nel frontale e nella coda e le numerose prese d’aria. Un nastro orizzontale in carbonio, ispirato alla striscia cromata che incorniciava la 2002 storica, avvolge la BMW 2002 Hommage all’altezza della spalla, dividendo visivamente il design della scocca in due parti. Quella superiore composta dal tetto, il cofano motore e il cofano del bagagliaio, è verniciata in tonalità opaca Space Race Metal come le macchine da corsa del passato, per evitare i riflessi causati dai raggi del sole. Nella vista laterale spiccano i passaruota vistosamente bombati e i cerchi in lega da 20” a raggi multipli. Le pinze freni sono colore oro impreziosite dal logo M di BMW Motorsport.

La BMW 2002 Hommage è un esemplare unico che fa parte della serie di “Hommage” che la Casa di Monaco dedica ai suoi modelli storici «Per mostrare che siamo orgogliosi delle nostre origini e allo stesso tempo quanto può essere significativo il passato per costruire il nostro futuro», come ha sottolineato il capo del design del gruppo tedesco, Adrian van Hooydonk

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella fotogallery