Bombardier Global 5000: mette le ali al lusso

Bombardier Global 5000: mette le ali al lusso

Bombardier Global 5000: mette le ali al lusso

Il jet di lusso Bombardier Global 5000 porta alle vette più alte il lusso di viaggiare. Comfort destinato solo a pochi

chiudi


Siete stufi di dover viaggiare in aereo inscatolati come delle sardine? Magari stipati in sedili in cui si sente a suo agio solo una taglia 36 extra small. O magari con un vicino rumoroso e invadente che si diverte a massacrare le vostre costole a suon di gomitate. Ebbene, il lussuosissimo jet di lusso Bombardier Global 5000 sarebbe l’ideale per ogni vostro spostamento nell’ardere. Il condizionale in questo caso è d’obbligo, perché il mastodontico aereo è un privilegio che forse in pochi si possono davvero permettere di affrontare.

Il jet di lusso Bombardier Global 5000 nasce infatti come sapiente bilanciamento di una struttura tecnica all’avanguardia e abilmente progettata e di un abitacolo in grado di regalare il massimo del comfort al massimo delle altitudini. E proprio per questi motivi nasce a uso essenzialmente privato. Al suo interno le poltrone, per esempio, sono un grado di offrire relax, ma possono anche diventare delle efficienti postazioni di lavoro per chi ha necessità di lavorare anche a migliaia di metri di altitudine. Il Bombardier Global 5000 è l’aereo per personaggi famosi e uomini d’affari che non vogliono rinunciare a nulla nemmeno quando stanno viaggiando.

Il Global Express è stato sviluppato dalla Bombardier per entrare nel mercato dei business jet a lungo raggio (circa 11.500 km nella versione XRS) entrando in concorrenza diretta con il Gulfstream V; i due aerei furono presentati contemporaneamente durante il congresso annuale della NBAA (National Business Aviation Association) nell’ottobre 1991; e in un secondo tempo con Falcon 7X e con i Business jet derivati dai grossi aerei di linea (A320, A340, 737, 767 ecc.).

Volete vederlo librarsi nel cielo in tutta la sua eleganza? Allora non potrete fare a meno di dare un’occhiata al video che vi proponiamo qui di seguito.

Fonte foto: YouTube