Bugatti Chiron: oltre è difficile andare

Bugatti Chiron: oltre è difficile andare

Bugatti Chiron: oltre è difficile andare

La Bugatti Chiron è la supercar di serie più potente, rapida, lussuosa ed esclusiva al mondo. Il suo motore sviluppa 1500 cavalli!!

chiudi

Caricamento Player...

La Bugatti Chiron prende il posto della Veyron nel Pantheon delle vetture più potenti lussuose ed esclusive al mondo. Per raccogliere un simile testimone a Molsheim hanno dovuto superare se stessi. Non era facile creare una vettura in grado di alzare ancora più in alto l’asticella delle incredibili prestazioni della Veyron. Ebbene ci sono riusciti.

Un motore da 1500 cavalli

Il propulsore della Bugatti Chiron dispone di 1500 cavalli con una coppia di 1.600 Nm. Ciò è stato possibile rivisitando totalmente il possente 8 litri W 16 e completandolo con quattro nuovi turbo compressori che utilizzano una sofisticata tecnologia di sovralimentazione capace di incrementare a livelli estremi la potenza. Le nuove turbine maggiorate, sono gestite da un sistema a doppio stadio: due delle quattro turbine lavorano fino a 3.800 giri azzerando il turbo-lag, mentre le altre due intervengono solo ai regimi più elevati, offrendo così una curva di erogazione assolutamente lineare da 2.000 a 6.000 giri/min. Completano il quadro un impianto di aspirazione in fibra di carbonio e il doppio sistema di iniezione con 32 iniettori.

Velocità “limitata” a 420 km/h!

La velocità massima è autolimitata a 420 km/h! La Casa precisa che il dato si riferisce a quanto consentito in sede di omologazione su strada, facendo intendere che la Chiron può andare ben oltre tale limite. È pensabile che lo dimostrerà platealmente in circuito stracciando il record di 432 Km/h detenuto dalla Veyron Grand Sport Vitesse. Mostruose sono ovviamente anche le doti di accelerazione. La Bugatti Chiron vola da 0 a 100 km/h in meno di 2,5 secondi, i 200 in 6,5 secondi e i 300 km/h in 13,6 secondi.

La Speed Key arma la bomba

La Bugatti Chiron si presenta con una nuova monoscocca in fibra di carbonio la cui rigidità torsionale è comparabile a quella di una vettura da competizione della categoria LMP1 (50.000 Nm per grado). Questo non ha tuttavia influito sul peso che è stato ridotto di 8 kg rispetto alla Veyron. La fibra di carbonio è utilizzata per la prima volta anche negli airbag: quello frontale lato passeggero e quelli laterali integrati nei sedili. La Chiron raggiunge un peso a vuoto di 1.995 kg.
Le sospensioni elettroniche sono gestite dalle centraline di bordo insieme ai parametri dell’aerodinamica, del servosterzo, della trasmissione e del controllo di stabilità. Sono possibili cinque diverse modalità di guida: Lift, Auto, Autobahn, Handling e Top Speed. La modalità Lift è attiva fino a 50 km/h e prevede assetto rialzato e ammortizzatori morbidi per superare ostacoli fissi. La “Auto”, regola al meglio comfort e prestazioni in maniera automatica. Oltre la soglia dei 180 km/h la Chiron passa in “Autobahn” e diventa perfetta alle alte velocità. La “Handling” è pensata per la pista e offre le migliori performance di assetto e tenuta anche a una velocità massima di 380 km/h. Infine “Top Speed” permette di trasformare la Chiron in un missile e volare 420 km/h. Come tutte le “armi” potenzialmente letali richiede però l’intervento della Speed Key, la seconda chiave separata necessaria per “armare” la “bomba”.

Super pneumatici e super freni

Per fermare il “mostro”, o come dicono a Molsheim la “Bestia”, l’impianto carboceramico adotta dischi in Carbon Silicon Carbide (CSiC) con diametro maggiorato di 20 mm e spessore di 2 mm maggiore rispetto alla Veyron, abbinati a nuove pinze forgiate di alluminio: il loro design è ispirato a quello delle vetture di F1. Le pinze anteriori hanno otto pistoncini di titanio, mentre quelle posteriori sei. Per la Chiron sono stati sviluppati nuovi pneumatici in collaborazione con Michelin: da 285/30 su cerchi da 20″ all’anteriore e da 355/25 su cerchi da 21″ al posteriore.

Frutto della realtà virtuale

Vista da vicino la Bugatti Chiron fa indubbiamente un certo effetto. È simile alla Concept Vision Gran Turismo del videogioco. L’alettone posteriore può assumere quattro diverse posizioni. Spettacolare l’impianto di illuminazione anteriore Full Led completamente personalizzabile, come pure l’elemento Led unico lungo 1,6 metri delle luci posteriori. I gruppi ottici, con otto elementi Led alti appena 90 mm, sono realizzati in all’alluminio e fibra di carbonio. Uno sguardo all’interno dell’abitacolo basta per rendersi conto che la Bugatti Chiron è davvero un’auto fuori dall’ordinario. La strumentazione è costituita da un tachimetro analogico con fondo scala a 500 km/h, da due schermi TFT e da uno schermo IPS. I dati visualizzati cambiano in base alla velocità e possono essere completamente personalizzati. Il comandi del climatizzatore sono integrati nella sottile console centrale e sono visibili anche dal passeggero, ma diventano comandi multifunzione in base alla modalità scelta: Icon, Performance, Cruise e Classic.

Nonostante il prezzo di listino parta da 2,4 milioni di euro, tasse e personalizzazioni escluse, un terzo dei 500 esemplari previsti sono già stati prenotati. I clienti possono ovviamente scegliere di personalizzare la propria vettura secondo le proprie esigenze e “capricci”, le opzioni sono praticamente infinite.

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella foto gallery