Come misurare tensione batteria auto: una guida pratica

Come misurare tensione batteria auto: una guida pratica

Come misurare tensione batteria auto: una guida pratica

chiudi

Come misurare tensione batteria auto: tutte le informazioni più importanti

Come misurare tensione batteria auto: una guida pratica con le procedure, gli strumenti e le considerazioni più importanti. Per massimizzare la resa con il minimo sforzo.

Diagnostica al salvataggio

Sarà capitato anche a voi, prima o poi, di salire in auto, girare la chiave e sentire il motore rifiutare di partire dopo qualche svogliato tentativo. In genere questo succede quando la batteria giunge alla fine del suo ciclo vitale – o quanto meno si scarica per qualche motivo.

Di solito i sintomi sono estremamente facili da riconoscere: il quadro strumenti impazzito che si illumina come un albero di Natale, i tentativi di avviamento iniziali a cui poi segue la morte più totale. Ma se disponete dei giusti attrezzi è meglio fare la proverbiale “prova del nove”, per fugare ogni dubbio.

Voltmetro

La soluzione più pratica è usare un voltmetro. Basta aprire il cofano e individuare la batteria, e scoprirne i due contatti. Ora è sufficiente far fare contatto al morsetto positivo (rosso) del voltmetro con quello positivo della batteria. Si individua perché è anch’esso di colore rosso, oppure c’è un grosso segno + ben visibile.

Poi bisogna fare lo stesso con il morsetto negativo, che è di colore nero. Per esclusione va collegato all’altro polo della batteria.

Dopodiché, basta leggere il valore riportato sul display. In genere una batteria in buona salute ha una tensione di circa 12,5 volt. Se la tensione è superiore ai 12,9 volt, è necessario farla scendere perché la batteria è sovraccarica. La soluzione più pratica è lasciare gli abbaglianti accesi per qualche minuto, naturalmente a motore spento.

Sonda di potenza

In alternativa è possibile usare una sonda di potenza. La procedura è del tutto analoga: si collega il morsetto rosso con il polo positivo (rosso o col segno +), e quello negativo (nero) con l’altro.