Come oscurare vetri posteriori auto con le pellicole dedicate

Come oscurare vetri posteriori auto con le pellicole dedicate

Come oscurare vetri posteriori auto con le pellicole dedicate

chiudi

Come oscurare vetri posteriori auto con le pellicole dedicate: una guida pratica

Come oscurare vetri posteriori auto usando le pellicole dedicate: una guida pratica per un’applicazione corretta e quanto più possibile accurata.

Perché oscurare i vetri posteriori

La pratica di oscurare i vetri posteriori dell’auto è diventata in particolare sinonimo di tuning. Ma la sua diffusione risale a ben prima, ed è ancora molto presente al di fuori del circuito degli appassionati di elaborazione. Spesso sono le stesse case produttrici a proporre i finestrini posteriori oscurati, su certi allestimenti e certi modelli.

Le ragioni sono variegate, ognuno sceglie la propria. C’è chi semplicemente li preferisce a vedersi, perché ritiene che donino un tocco di sportività in più all’auto. C’è chi apprezza la maggior privacy, e chi apprezza la protezione dai raggi solari in estate.

Cosa dice la normativa italiana

La legge italiana prevede certe (comprensibili) limitazioni sulle possibilità di oscuramento delle superfici vetrate dell’auto. Nello specifico:

  • Il parabrezza anteriore non può essere oscurato in alcuna percentuale
  • I finestrini anteriori laterali non possono essere oscurati in alcuna percentuale
  • I finestrini posteriori laterali e il lunotto possono essere oscurati a piacere. A patto però che siano presenti specchietti retrovisori esterni da entrambi i lati dell’auto.
  • Infne, la pellicola deve essere omologata per il vetro trattato e dev’essere applicata a regola d’arte.

Come si applicano le pellicole

Applicare le pellicole è un lavoro estremamente complicato, che richiede precisione, manualità e tanta pazienza. Prima di tutto è necessario pulire alla perfezione il vetro da trattare, assicurandosi di rimuovere tutti gli aloni.

Poi la pellicola va applicata a seconda delle istruzioni fornite dal produttore. Il difficile, il difficilissimo, è sagomare la pellicola in modo preciso per il vetro ed evitare la formazione di bolle d’aria che ne rovinano l’effetto. Oltre agli strumenti presenti nel kit, si consiglia un asciugacapelli o una pistola ad aria calda.