Come pulire il filtro antiparticolato

Come pulire il filtro antiparticolato

Come pulire il filtro antiparticolato

La pulizia del filtro antiparticolato è davvero importante per assicurare sempre ottime prestazioni e aumentarne la durata nel tempo

chiudi


Pulire il filtro antiparticolato è indispensabile per assicurare al veicolo sempre alte prestazione e aumentarne al tempo stesso la sua durata nel tempo.

Cosa è il filtro antiparticolato?

Il filtro antiparticolato, spesso chiamato semplicemente FAP, è un sistema installato dalle case automobilistiche sui motori diesel, ma prossimamente in arrivo anche per i motori a benzina. L’obiettivo di questo accessorio è quello di inquinare meno andando così a ridurre l’emissione di particelle inquinanti nell’aria. Tutti i FAP montati nei motori diesel devono essere sottoposti alla pulizia per rimuovere i detriti. La pulizia va effettuata ogni sei mesi se l’auto è utilizzata in condizioni di traffico cittadino, ogni nove mesi se si guida in contesti extraurbani oppure ogni 12 mesi quando si utilizza l’auto per lunghi viaggi. Ma quali sono i passaggi da rispettare per pulire in totale autonomia il filtro antiparticolato? Scopriamoli insieme…

Pulire il filtro antiparticolato

Prima di tutto è necessario rimuovere tutti i detriti presenti nel filtro antiparticolato tramite aria compressa ad un massimo di 7bar. Si tratta di una pratica da eseguire utilizzando un’apposita macchina per la pulizia dei filtri oppure in un luogo adatto. Dopodiché bisogna prendere il filtro antiparticolato e scaldarlo in forno a 615 gradi celsius aumentando man mano la temperatura. Dopo essersi accertati che il filtro presenti una temperatura di 40° si proceda alla pulizia dell’ingresso e dell’uscita. A questo punto il filtro verrà nuovamente riposto nel forno per bruciare la fuliggine e infine si può procedere con la pulizia finale del filtro con l’aria sempre a 40°. Come alternativa è possibile pulire il filtro antiparticolato anche acquistando in commercio degli additivi, ma per questa opzione consigliamo sempre di richiedere il consiglio di un esperto prima di procedere autonomamente.