Conservare un’auto storica al meglio, i consigli

Conservare un’auto storica al meglio, i consigli

Conservare un’auto storica al meglio, i consigli

Conservare un’auto storica, un impegno che regala soddisfazioni

chiudi


Conservare un’auto storica non richiede particolari accorgimenti rispetto a una normale auto, solo molto più tempo e più dedizione. Le auto storiche sono più inclini a rompersi, a rovinarsi e ad avere difetti più o meno gravi, ma il loro fascino senza tempo ripaga tutti gli sforzi.

Le solite cose, più spesso

La prima cosa da tenere presente è che un’auto storica richiede più attenzioni di un’auto normale, ma non necessariamente diverse. Per esempio, ha sempre bisogno che l’olio sia controllato, che le gomme siano gonfiate alla giusta pressione, che i freni siano mantenuti in efficienza e così via. Il consiglio è di controllare questi aspetti – quelli che si controllerebbero anche su un’auto normale – molto più spesso, in modo da minimizzare i danni dovuti all’incuria

Garage, indispensabile

Più una macchina invecchia più probabilità ha che alcune sue parti, non necessariamente solo di carrozzeria, vengano aggredite dalla ruggine. È quindi indispensabile proteggere al meglio tutti gli elementi sensibili dell’auto, dalla carrozzeria ai cerchioni e così via. Decisamente sconsigliabile lasciare l’auto esposta alle intemperie, meglio ritirarla sempre in garage o comunque al coperto. È anche una buona idea passare con una certa frequenza la cera sulla carrozzeria, in modo da garantire all’auto una difesa in più contro le intemperie.

Guidare con criterio

Un’auto storica, anche se di marchi prestigiosi o di grande potenza, è comunque un insieme di organi meccanici con molti anni alle spalle. Meglio non sollecitarli troppo: la guida deve essere regolare, senza troppe accelerazioni brusche o staccate al limite che potrebbero mettere in crisi i freni. Meglio tenere presente che, tempo fa, le tecnologie non erano raffinate e avanzate come al giorno d’oggi.

Community

I consigli generali possono essere utili fino a un certo punto. È una buona idea rivolgersi alle varie community online per consigli e suggerimenti sul proprio modello specifico; l’ASI è un buon punto di partenza, ma vi consigliamo di cercare più nel dettaglio con il vostro motore di ricerca preferito.

Fonte foto copertina: Wikipedia