Controllare le specifiche con il numero di telaio

Controllare le specifiche con il numero di telaio

Controllare le specifiche con il numero di telaio

Controllare le specifiche con il numero di telaio: tutti i dettagli della nostra auto

chiudi

Caricamento Player...

Controllare le specifiche con il numero di telaio è un trucco decisamente utile per conoscere nei dettagli il passato della nostra auto. Cerchiamo di capire come sfruttare questo dato al meglio.

Com’è composto

Il numero di telaio, anche detto VIN (Vehicle Identification Number) è stato standardizzato, da diversi anni a questa parte, a un codice alfanumerico di 17 cifre. La prima indica il Paese in cui è stata prodotta l’auto; la seconda e la terza indicano il codice del produttore (per esempio, FA è Fiat, VW è Volkswagen, e così via); poi abbiamo otto cifre che indicano il modello dell’auto, l’allestimento e così via; infine, sei cifre che indicano nello specifico quando la nostra unità è stata prodotta, la fabbrica e così via. a QUESTO indirizzo è disponibile un esaustivo vademecum con tutte le sigle usate nel VIN

Dove si trova

Il VIN deve per legge essere visibile a bordo del veicolo. In genere si può vedere sul parabrezza, oppure è punzonato all’interno del vano motore, o ancora sul montante della portiera lato guidatore. È anche reperibile nel libretto di circolazione (voce E) e nel certificato di proprietà dell’auto.

Come leggerlo

In Rete si trovano moltissimi siti che permettono di “decifrare” il numero di telaio o VIN. Spesso sono presenti anche sul sito ufficiale del costruttore, generalmente nella sezione dedicata al supporto tecnico e all’assistenza clienti. I siti generici sono meno “affidabili”, nel senso che in genere sono specializzati in auto e moto provenienti dagli Stati Uniti (dove tra l’altro il VIN viene usato più spesso, anche per registrare sinistri, danni, furti e così via). Il sito più affidabile alle nostre latitudini è VIN Decoder, ma se possibile è meglio fare affidamento su quelli ufficiali delle case costruttrici.

Fonte foto copertina: Wikipedia