Controlli auto periodici da fare

Controlli auto periodici da fare

Controlli auto periodici da fare

Controlli auto periodici da fare: ecco una serie di controlli da effettuare per garantire un corretto funzionamento della vettura

chiudi

Caricamento Player...

Efficienza e manutenzione vanno di pari passo. Per questo motivo è importante prendersi cura della propria vettura sottoponendola ad una serie di controlli periodici indispensabili per garantirne l’efficienza e il corretto funzionamento.

Controlli periodici auto

Prima di tutto l’auto deve essere sottoposta ai classici tagliandi e revisioni. Nei tagliandi sono compresi: il cambio olio motore e filtro, sostituzione filtro aria e gasolio, cambio candele, pasticche freni e cinghie di distribuzione. Solitamente questi controlli vanno effettuati in base al numero di Km percorsi e considerando alcuni intervalli di tempo stabiliti nel libretto della propria vettura.  La revisione, invece, è un controllo obbligatorio per legge indispensabile per certificare il corretto funzionamento della vettura. Con essa si va a verificare il funzionamento di freni, luci, stato carrozzeria e gomme e gas di scarico. Entriamo nello specifico andando ad elencarvi alcuni controlli periodici da effettuare alla propria auto:

  • cambio d’olio: la tempestiva varia a seconda dei modelli e il cambio va effettuato presso la propria concessionaria oppure se siete in grado di farlo da soli;
  •  cambio batteria: consigliamo di recarvi dal vostro meccanico – elettrauto di fiducia per la sostituzione. E’ possibile anche cambiarla da soli, ma è importante che la vecchia batteria sia poi smaltita in modo corretto;
  • cambio pneumatici: consigliamo di cambiarli prima di raggiungere il limite di 1.6mm come riconosciuto dal Codice Stradale. Se lo spessore del battistrada è inferiore ai 3mm rischiate grosso!

Altri controlli periodici

  • cambio liquido freni: ogni 2 – 3 è consigliata la sostituzione del liquido dei freni andando ad acquistare un prodotto in linea con quando indicato sul libretto dell’azienda automobilistica;
  • cambio liquido raffreddamento: consigliamo di sostituirlo almeno ogni 4 anni o facendo attenzione a quanto scritto nel libretto della casa produttrice;
  • filtro anti polline: si tratta di un filtro che tendi a intasarsi pian piano andando poi a creare una sorta di tappo che impedisce la circolazione dell’aria creando non pochi fastidi: rumori vari e assorbimento nel tempo di inquinamento;
  •  ricaricare condizionatore: anche il condizionatore ha bisogno di cure. E’ importante valutarne le condizioni e procedere a ricaricarne il fluido refrigerante.