Dakar 2016 seconda tappa: Peugeot fa sul serio

Dakar 2016 seconda tappa: Peugeot fa sul serio

Dakar 2016 seconda tappa: Peugeot fa sul serio

Dakar 2016 seconda tappa. Prima zampata della Casa del Leone che, con Sebastien Loeb e Stephan Peterhansel, conclude la frazione con una splendida doppietta.

chiudi

Caricamento Player...

Dopo il prologo con incidente e la prima tappa annullata per maltempo, la Dakar 2016 è entrata ieri nel vivo con la seconda frazione da Villa Carlos Paz a Termas de Rio Hondo. Le violente piogge del giorno prima avevano tuttavia trasformato in un mare di fango la speciale, costringendo gli organizzatori a ridurne la lunghezza.

A sorpresa nel fiume di fango hanno sguazzato perfettamente a proprio agio le buggy Peugeot che si sono prese il lusso di battere le favorite Mini. Trionfo per il 9 volte campione mondiale di rally, Sebastien Loeb che ha preceduto di 2’23” il connazionale e compagno di squadra Stephan Peterhansel e di 2’38”. Problemi meccanici, invece, per Carlos Sainz (Peugeot) che ha concluso con oltre 10 minuti di ritardo.

Loeb, il “novellino” della Dakar, si porta così al comando della classifica generale tra lo stupore dei dakariani e dello stesso campione alsaziano che all’arrivo non ha nascosto la sorpresa e la felicità.

«Non mi aspettavo proprio di fare il miglior tempo. Mentre correvo immerso nel fango, mi dicevo
“adesso arrivarono le 4×4 (le Mini a quattro ruote motrici) e ci superano in tromba”. Bisognava guidare “leggeri” su un terreno insidioso e un percorso sinuoso con tratti lenti a causa del fango. E lì, dove scivoli e non riesci ad avanzare come vorresti, hai l’impressione di perdere un sacco di tempo. Alla fine quando fai allo stesso il miglior tempo sei davvero contento».

Nelle moto Toby Price (KTM) ha preceduto il portoghese Ruben Faria (Husqvarna) di 20 secondi e lo slovacco Stefan Svitko (KTM) di quasi un minuto e trenta secondi. Da notare che la speciale è stata accorciata di un centinaio di chilometri a causa delle proibitive condizioni climatiche.

L’australiano, dopo avere ottenuto nel prologo il sedicesimo tempo, passa così al comando della classifica generale con 2 secondi di vantaggio sullo spagnolo Joan Barreda Bort (Honda), vincitore del prologo e uno dei favoriti della corsa.

Oggi la terza tappa, sta portando gli equipaggi da Termas de Rio Hondo a San Salvador de Jujuy, per un totale di 663 km, di cui 314 di speciale sui contrafforti delle Ande. Domani (6 gennaio) vi racconteremo come è andata.

Dakar 2016 2a tappa
1. Sébastien Loeb (FRA)/Daniel Elena (MC), PEUGEOT 2008 DKR 3h45m46s
2. Stéphane Peterhansel (FRA)/Jean-Paul Cottret (FRA), Peugeot 2008 DKR, + 2m23s
3. Giniel De Villiers (ZAF)/Dirk Von Zitzewitz (DEU), Toyota Hilux, + 3m01s
4. Mikko Hirvonen (FIN)/Michel Perin (FRA), Mini All 4 Racing, + 3m05s
5. Leeroy Poulter (ZAF)/ Robert Howie (ZAF), Toyota Hilux, +3m20s
Classifica generale
1. Sébastien Loeb (FRA)/Daniel Elena (MC), PEUGEOT 2008 DKR, 3 h 52m23s
2. Stéphane Peterhansel (FRA)/Jean-Paul Cottret (FRA), Peugeot 2008 DKR, + 2m23s
3. Giniel De Villiers (ZAF)/Dirk Von Zitzewitz (DEU), Toyota Hilux, + 3m01s
4. Mikko Hirvonen (FIN)/Michel Perin (FRA), Mini All 4 Racing, + 3m03s
5. Leeroy Poulter (ZAF)/ Robert Howie (ZAF), Toyota Hilux, +3m40s

Sebastian Loeb

Sebastian Loeb vincitore della 2a tappa (la prima è stata annullata) della Dakar 2016.