Deterioramento targa cosa fare: la procedura corretta

Deterioramento targa cosa fare: la procedura corretta

Deterioramento targa cosa fare: la procedura corretta

chiudi

Deterioramento targa cosa fare: tutti i dettagli per risolvere il problema

Deterioramento targa cosa fare: la procedura prevista dal codice della strada, i consigli e tutti gli altri dettagli rilevanti.

Benvenuta burocrazia

Il deterioramento della targa è un po’ l’incubo di tutti gli automobilisti che amano sfruttare il loro acquisto per molti e molti anni. Benché sia un avvenimento piuttosto comune, innocente e plausibile in oltre dieci anni di servizio, le misure da prendere in caso di deterioramento della targa sono piuttosto drastiche.

Inoltre, richiedono una gran perdita di tempo. Quindi, prima di imbarcarsi nell’avventura, è bene assicurarsi che sia assolutamente inevitabile.

Il livello di deterioramento

Il livello di deterioramento della targa tale da richiedere un intervento ufficiale è, molto semplicemente, quando uno qualsiasi dei valori riportati su di essa non sono più leggibili. Potrebbe essersi rotto o scolorito un numero o una sua parte, oppure l’anno di immatricolazione e qualsiasi altro dettaglio.

In questi casi la targa non passerà la revisione, e potrebbe procurare noie a un posto di blocco. Ecco quando è necessario richiedere…

La sostituzione della targa e reimmatricolazione del veicolo

Purtroppo è così: non è possibile “riparare” o “sostituire” la targa precedente con una identica. È necessario sobbarcarsi l’intera procedura di reimmatricolazione presso il PRA (Pubblico Registro Automobilistico).

Questo comporterà l’assegnazione di un nuovo paio di targhe e… immancabili code e attese presso gli sportelli pubblici dell’automobilista. Ecco i documenti necessari:

  • certificato di proprietà
  • libretto (carta di circolazione)
  • fotocopia della carta d’identità del proprietario dell’auto (con eventuale dichiarazione sostitutiva di residenza, qualora sia cambiata rispetto a quella del libretto)
  • codice fiscale del proprietario
  • targa o targhe rimaste
  • modello di richiesta di reimmatricolazione (DTT2119)
  • modello di richiesta di rinnovo di iscrizione al PRA (NP2)

La procedura costerà intorno ai cento euro, a seconda del tipo di targa e della regione di residenza.