Domenicali: «USA mercato principale per Lamborghini»

Domenicali: «USA mercato principale per Lamborghini»

Domenicali: «USA mercato principale per Lamborghini»

Sono le dichiarazioni dell’ad Stefano Domenicali al margine dell’inaugurazione di un laboratorio di ricerca sul carbonio nello stato di Washington

chiudi

Caricamento Player...

È un legame di ferro, anzi di carbonio –ancora più resistente e solido, quello che lega a doppio filo la casa del Toro con la Nazione a Stelle e strisce. La west coast chiama uno dei simboli dell’automobilismo italiano, visto che Lamborghini ha scelto Seattle come base per ricerca e analisi sul futuro dei materiali e in particolare del carbonio, la fibra che ha permesso al gruppo di produrre super sportive leggere. Proprio nella città dello stato di Washington l’amministratore Stefano Domenicali ha inaugurato il nuovo laboratorio di analisi per la lavorazione del carbonio. Siamo stati i primi a usare il carbonio nella produzione di macchine di serie, ha ricordato Domenicali parlando dagli Stati Uniti che rappresentano il mercato più importante per noi con 1.200 vetture l’anno nel 2015, un terzo delle 3.245 auto che abbiamo venduto, ha aggiunto l’a.d.

Domenicali: «Ora dobbiamo consolidarci»

Per noi adesso è il momento di consolidare il marchio. Abbiamo una crescita stabile ma non rincorriamo i volumi, ha aggiunto Domenicali. Ma chi è il cliente-tipo della Casa di Sant’Agata? Lo stesso amministratore delegato lo descrive così: Ha tra i 35 e i 45 anni, ha una forte personalità e molto spesso è legato al mondo delle startup. E si sa che gli USA sono la patria di questi giovani Paperon de Paperoni nati grazie a qualche brillante impresa digitale nata nella celebre Sylicon Valley.

Lamborghini, controllata di Volkswagen, è stata la prima casa automobilistica a portare il carbonio nelle auto di serie a partire dalla metà degli anni Ottanta. Il laboratorio è nato prima in collaborazione con Boeing e poi con la Washington State University. Adesso Lamborghini ha deciso di farlo diventare un polo d’eccellenza indipendente, in grado di studiare le soluzione del futuro per il gruppo.

Fonte: Askanews