Esame patente moto 2017, novità

Esame patente moto 2017, novità

Esame patente moto 2017, novità

chiudi


Esame patente moto: scopri tutte le novità introdotte nel 2017 per il rilascio della patente di guida della categoria A

Stai pensando di prendere la patente moto? Allora in questo caso faresti bene ad informarti circa gli aggiornamenti e le novità introdotte nel 2017 per il rilascio del titolo di guida.

Patente moto A

Rispetto agli anni passati l’esimente per la patente moto è cambiato da quest’anno per adeguarsi a quelli che sono gli standard previsti dagli altri paesi europei. Scopriamo insieme le modiche introdotte nel 2017 per il rilascio della patente di guida moto andando a considera le varie categorie:

  • patente moto A1: non è cambiato nulla rispetto al passato. Per richiederla è necessario aver compiuto 16 anni, età utile per guidare mezzi con una cilindrata massima di 125cc. Importante: ricordiamo che i guidatori minorenni devono guidare da soli senza alcun passeggero;
  •  patente moto A2: rispetto al Codice della Strada che consentiva ai diciottenni in possesso di regolare patente A3 di guidare motociclette senza limiti di potenza, la nuove regole hanno introdotto il limite massimo di potenza a 35kW (superiore rispetto al 25kW), ma la potenza originale non potrà avere il doppio del valore;
  •  patente moto A3: rispetto al passato per richiedere il rilascio della patente A3 bisogna aver compiuto 24 anni, mentre in passato il limite era fissato a 21 anni. Non solo, per chi ha 20 anni e possiede la patente A2 da almeno due anni può richiedere un upgrade solo dopo aver superato un esame. Basti pensare che in passato il passaggio era automatico dopo 2 anni dal conseguimento della patente A2.

Esame pratico

Come è cambiato, invece, l’esame pratico per la patente moto nel 2017? La durata dell’esame è fissato intorno ai 25 minuti su una strada aperta a tutti. La pratica è fondamentale per assicurarsi che il candidato sia in grado di guidare la moto sottoponendo a diverse prove come: uno slalom tra birilli, frenate improvvise, passaggi stretti e non solo. La prova determinante, infatti, è quella su strada che consiste in un percorso che vedrà il candidato impegnato a guidare come se fosse su strada. Importante: durante la prova pratica ricordate di prestare attenzione a rispettare i limiti di velocità, dare sempre la precedenza ed usare le frecce direzionali in caso di spostamenti.