F1 GP Austria. Scintille tra le Frecce. Rosse out

F1 GP Austria. Scintille tra le Frecce. Rosse out

F1 GP Austria. Scintille tra le Frecce. Rosse out

F1 GP Austria. Hamilton vince, non prima però di un violento contatto con Rosberg. Vettel fuori per gomma esplosa. Raikkonen terzo

chiudi


F1 GP Austria. Ferrari delusa Mercedes imbattibile in pista, ma con due galli nel pollaio. Questo in sintesi il responso che viene dal Spielberg Ring dove si è corsa l’ottava tappa del mondiale.

Vettel superlativo per 27 giri

Prima parte della gara perfettamente gestita da Vettel che, sfruttando il vantaggio gomme, riesce addirittura dalla nona posizione in griglia di partenza a guadagnare la testa della corsa condotta da Hamilton. Ma al 27 esimo giro avviene l’imprevedibile, proprio le gomme supersoft che gli hanno consentito di continuare la corsa mentre Hamilton e Rosberg effettuano il pit stop, hanno un improvviso cedimento. La posteriore destra esplode mettendo fine alla gara del ferrarista.

Scintille tra Hamilton e Rosberg

Fuori il più pericoloso avversario, inizia una schermaglia prima a distanza e poi sempre più ravvicinata tra Hamilton e Rosberg, con terzo incomodo il coriaceo Verstappen. Le strategie differenti per i due piloti Mercedes, consentono a Nico Rosberg di prendere il comando della corsa, ma Lewis non ci sta. Inizia una furiosa rimonta che lo porta a due giri dalla fine alle spalle di Nico. Scintille tra i due non soltanto metaforiche, ma reali. Visto che è tra un mare di scintille che si conclude il duello alla terzultima curva prima del traguardo, con Rosberg che tenta di chiudere la porta all’irruento inglese “accompagnandolo” fuori pista e quest’ultimo che rientra di prepotenza con l’inevitabile violento contatto tra le due Frecce d’Argento. Questa volta però a farne le spese è solo quella di Nico che perde l’ala, mentre l’altra vola verso la vittoria. Rosberg tenta di limitare i danni in classifica generale riuscendo in ogni caso a tagliare il traguardo in quarta posizione, ma è finito sotto investigazione per non essersi fermato con la vettura pesantemente danneggiata. Ad approfittare della situazione è Raikkonen che pur non riuscendo a superare lo scatenato ragazzino terribile della Red Bull, agguanta il terzo gradino del podio.

Il fattore X della rivalità

Se in Ferrari è forte la delusione per l’occasione mancata, in Mercedes la sfida tutta interna tra il campione del mondo in carica Lewis Hamilton e il leader del mondiale Nico Rosberg si fa sempre più dura e ora, da entrambe le parti, senza esclusione di colpi. Allo Spielberg solo il caso ha voluto che il contatto tra i due non si traducesse in un ritiro per entrambi lasciando via libera agli avversari. Il mondiale è ancora lungo il fattore X capace di impedire alla Mercedes di vincerlo potrebbe essere proprio la rivalità tra i suoi piloti. Tra i ferraristi c’è già chi ci fa un pensierino e non solo tra loro…

Guarda la fotogallery