Fango nei passaruota bloccarlo con il WD40

Fango nei passaruota bloccarlo con il WD40

Fango nei passaruota bloccarlo con il WD40

Fango nei passaruota, ecco un alleato prezioso

chiudi


Il fango nei passaruota è un incoveniente estetico piuttosto noioso, specialmente se si abita su strade sterrate, le si percorre nei tragitti abituali o si fa fuoristrada “vero e proprio”. Un alleato molto prezioso in questo campo è il WD-40, un lubrificante multifunzione che è anche idrorepellente. Facciamo un po’ di chiarezza.

Che cos’è il WD-40

Il WD-40 è un lubrificante multifunzione idrorepellente. È un marchio registrato dall’omonima società, e la sua composizione chimica esatta è sconosciuta per questioni di copyright. La base principale è comunque l’acquaragia, con l’anidride carbonica che fa da propellente, oli minerali e altre sostanze. È sugli scaffali da molto tempo – fine anni ’50, per la precisione.

Dove comprarlo e quale scegliere

Con il tempo, il WD-40 si è trasformato in una vera e propria gamma di prodotti. Si trova un po’ ovunque; Amazon, come al solito, offre ampia scelta di prodotti a prezzi relativamente onesti. I codici prodotto cambiano non solo in base agli additivi, ma anche al tipo di contenitore in cui si trovano; in ogni caso, QUESTA bomboletta è il punto di partenza ideale. Costa intorno ai 10 euro per 500 millilitri di prodotto, che dovrebbero essere sufficienti per un discreto numero di applicazioni.

Come applicarlo

È estremamente semplice: basta spruzzarlo in modo uniforme su parafanghi, passaruota, paraurti e tutte le altre superfici che potenzialmente entrano in contatto con il fango. Tenete però presente che il lubrificante non ha durata eterna: andrebbe spruzzato ogni volta che ci si accinge a una sessione off-road, più o meno intensa, oppure con cadenza quotidiana in caso di percorsi abituali (o almeno quando piove). Inutile dire che nel secondo caso la spesa inizia a diventare importante: forse a questo punto il male minore è rassegnarsi a tenere il proprio veicolo un po’ fangoso.

Fonte foto copertina: Flickr