Fiat 1100 TV coupé Pininfarina: seconda parte

Fiat 1100 TV coupé Pininfarina: seconda parte

Fiat 1100 TV coupé Pininfarina: seconda parte

La Fiat 1100 TV coupé Pininfarina affascina per l’eleganza e la purezza della linea. Estrema la cura di ogni particolare. Un piccolo capolavoro

chiudi

Caricamento Player...

Raffinata, ma anche grintosa

La Fiat 1100 TV coupé Pininfarina è una vettura particolarmente elegante e raffinata. Il frontale è dominato dalla calandra con le grandi lettere “TV”, ovvero turismo veloce, in rilievo. Sul cofano spicca la presa d’aria che denuncia la natura corsaiola del propulsore. Sotto il cofano c’è un quattro cilindri in linea di 1089 cc (alesaggio e corsa 68 x 75 mm). Ha un rapporto di compressione di 7,6 : 1, basamento in ghisa e testata in lega leggera. Coppa dell’olio in lamiera stampata, raffreddamento a liquido, distribuzione con albero a camme nel basamento, valvole in testa comandate da aste e bilancieri. All’alimentazione provvede un carburatore Weber 36 DCLD3 e l’accensione è a batteria con distributore Marelli.

Prestazioni di ottimo livello

Il motore è in grado di erogare una potenza massima di 50 CV a 5400 giri/min, ciò che consente alla Fiat 1100 TV coupé Pininfarina di raggiungere una velocità di 150/155 km/h. La frizione è monodisco a secco con cambio a quattro velocità comandato da leva al volante, la prima non sincronizzata. Lo sterzo, vite e rullo, consente un diametro di sterzata di 10,500 m. Il serbatoio ha una capacità di 40 litri e il consumo si colloca intorno agli 8,5 litri per 100 km. La frenata è affidata a un impianto idraulico sulle quattro ruote.

Un elegante salottino

Nonostante il passo di soli 2340 mm, la Fiat 1100 TV coupé Pininfarina ha un abitacolo a quattro posti. Ribaltando lo schienale anteriore si accede infatti ad un elegante divanetto posteriore. Da notare che anche le sedute anteriori sono costituite da un divanetto che prevede addirittura un bracciolo a scomparsa tra il posto del guidatore e quello del passeggero. Estrema la cura di ogni dettaglio: dai rivestimenti alla moquette in tinta con la carrozzeria che riveste anche il bagagliaio, dalle maniglie alle manopole. Appariscenti, ma mai pacchiane le cromature che risentono degli influssi delle mode d’oltre Oceano.

Eccellente l’opera di restauro che ha permesso di ridare antico splendore alla piccola fuoriserie, ancora oggi affascinante per l’eleganza e la purezza della linea capace di sfidare tempo e mode.

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella foto gallery