Ford F 150 Raptor, il pick up per i gusti americani al NAIAS

Ford F 150 Raptor, il pick up per i gusti americani al NAIAS

Ford F 150 Raptor, il pick up per i gusti americani al NAIAS

Ford F 150 Raptor, presentato al Salone dell’auto di Detroit, è il pick up più spazioso, resistente e “smart” di sempre

chiudi

Caricamento Player...

Largamente annunciato,  è stato finalmente presentato al NAIAS di Detroit il Ford F 150 Raptor, il pick up che piace agli americani con più agilità, versatilità, spaziosità, resistenza e capacità delle precedenti edizioni. Ideato e assemblato a partire dal DNA del Baja, questo modello quattro porte offre tutto lo spazio che le gambe dei passeggeri sui sedili posteriori possono desiderare. Senza tuttavia compromettere la capacità del mezzo di affrontare l’animo più wild dell’off road americano e canadese.

La scelta di materiali avanzati –  come acciaio e alluminio ultra resistenti – consento di alleggerire il peso di 500 chili rispetto alla precedente versione del Raptor. Un vera zavorra in meno che si traduce in una maggiori agilità sul fuori strada. La stabilità del Ford F 150 Raptor sui tracciati non urbani è migliorata grazie anche ai 15 cm in più guadagnati in larghezza. Per la prima volta su Ford F-150 Raptor possiamo trovare anche un doppio terminale di scarico oltre ai cerchi da 17 pollici che montano gli pneumatici di nuova generazione BFGoodrich All- Terrain KO2, appositamente studiati per performance da off road.

Sotto il cofano Ford F 150 Raptor presenta il motore di seconda generazione 3,5 litri EcoBoost, che eroga più potenza e coppia dell’attuale 6.2 V8 da 418 CV e 588 Nm. Meglio del passato ma ancora non sono state dichiarate le specifiche che possano rendere chiaro in termini quantitativi di che miglioramenti di performance si trattino. Il 3,5 litri è abbinato abbinato a un cambio a 10 rapporti.

Ford F 150 Raptor presenta anche sei modalità di guida pre-settate: Normal mode per la guida di ogni giorno; Street mode per performance più alte su strada; Weather mode in caso di pioggia, neve o ghiaccio; Mud e sand mode, ovviamente, per tracciati fangosi o sabbiosi; Baja mode per le alte velocità su tracciati desertici; infine, Rock mode per le marce a bassa velocità su roccia.