Come funziona il microchip assicurazione

Come funziona il microchip assicurazione

Come funziona il microchip assicurazione

chiudi

Addio al tagliando dell’assicurazione da esporre sul parabrezza dell’auto: arriva il moderno microchip antitruffa

Il decreto legge sulle liberalizzazioni emanato dal Governo Monti ha stabilito la rimozione del tagliando dell’assicurazione dal parabrezza dell’auto. Una piccola rivoluzione per milioni di italiani, ma in realtà si tratta di una vera e propria lotta all’ evasione fiscale. Sono circa 4 milioni i veicoli che circolano sul territorio italiano senza alcuna garanzia assicurativa. Un popolo di evasori che durante tutti questi anni hanno contraffatto tagliandi assicurativi RCA come se nulla fosse. La nuova legge è stata creata apposta per contrastare questo popolo di evasori introducendo la rimozione del tagliando di assicurazione sul veicolo e la nascita di un microchip antitruffa.

Cosa è il microchip?

Il microchip antitruffa è un moderno sistema di controllo che andrà a sostituire il vecchio e oramai obsoleto tagliando dell’assicurazione auto. Si tratta di un piccolo dispositivo elettronico dotato di un microchip a radiofrequenza dalla forma simile alle placche antitaccheggio presenti in tutti gli store. Tramite questo microchip sarà possibile controllare lo stato di copertura assicurazione del veicolo visto che il dispositivo è collegato ad una banca dati accessibile a tutte le forze dell’ordine. Non solo in futuro sarà possibile controllare anche possibili infrazioni in caso di zone a traffico limitato, autovelox e accessi a zone a traffico limitato.

 Come funziona?

Per poter leggere il nuovo microchip verranno installate delle smart card all’interno delle automobili in modo da leggere tutte le informazioni relative alla polizza assicurativa. Vediamo nello specifico come funziona: una volta stipulata una polizza assicurativa vi verrà fornita una card contenente tutti i dati relativi al veicolo e al contratto di assicurazione prescelto. Via radio verranno comunicati tutti i dati alla centrale operativa in modo da verificare e procedere all’attivazione che potrà essere rinnovata online oppure tramite sportelli bancomat. Qualora dovessero verificarsi delle anomalie tra la polizza assicurativa e il veicolo sarò proprio il terminale ad inviare comunicazione alla centrale. Sicuramente si tratta di una piccola rivoluzione che dovrebbe assicurare anche dei vantaggi per il consumatore finale. La card, infatti, oltre ad incamerare i dati della polizza è destinata a diventare una sorta di codice fiscale della vostra auto andando così ad avvisarvi circa scadenze, rinnovi e revisioni.