Giulia Quadrifoglio per i Carabinieri: non scappa più nessuno

Giulia Quadrifoglio per i Carabinieri: non scappa più nessuno

Giulia Quadrifoglio per i Carabinieri: non scappa più nessuno

Due modelli di Alfa Romeo Nuova Giulia Quadrifoglio con livrea istituzionale sono stati consegnati all’Arma: una destinata a Roma, l’altra a Milano

chiudi

Caricamento Player...

Non è mai troppo piacevole essere fermati dai Carabinieri, soprattutto se in cuor vostro sapete che stavate premendo decisamente troppo sull’acceleratore. Ma se si trattasse di questi due splendidi modelli di Giulia Quadrifoglio, da ora in dotazione all’Arma, il vostro animo di gourmet dell’automobile potrebbe essere se non altro appagato. Anche se, a dire la verità, le occasioni per vedere i due modelli all’opera non dovrebbero essere così frequenti: le Giulia, una destinata a Roma e l’altra a Milano, saranno infatti utilizzate per speciali interventi come il trasporto di organi e sangue, oltre che per i servizi di scorta in occasione di cerimonie istituzionali. Tra le dotazioni specifiche si segnalano inoltre il defibrillatore, speciali unità portatili di raffreddamento, predisposizione radio, sistema Odino, dispositivi supplementari di emergenza, porta arma lunga e torce led ricaricabili collocate nell’abitacolo.

In ogni caso le due Giulia Quadrifoglio saranno un piacere da guidare: equipaggiato con il nuovo motore 2.9 BiTurbo benzina da 510 CV – totalmente in alluminio e ispirato da tecnologie e competenze tecniche Ferrari – il modello assicura prestazioni straordinarie: velocità massima di 307 km/h, accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi e una coppia massima di 600 Nm. Tra l’altro il 2.9 BiTurbo benzina “6 cilindri” è particolarmente efficiente nelle emissioni (198 g/km di  CO2 con cambio manuale a 6 marce).

Giulia Quadrifoglio, al servizio dell’Arma con una presentazione speciale

I due modelli di Alfa Romeo Nuova Giulia Quadrifoglio con livrea istituzionale sono stati presentati all’interno del parco del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, alla presenza del Ministro dell’Interno Angelino Alfano, del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, del Comandante Generale Tullio Del Sette, del Presidente del gruppo FCA John Elkann, dell’Amministratore Delegato Sergio Marchionne, del COO della Regione EMEA Alfredo Altavilla, e dei vertici dello Stato Maggiore dei Carabinieri.