Google al lavoro su un’app per condividere i viaggi

Google al lavoro su un’app per condividere i viaggi

Google al lavoro su un’app per condividere i viaggi

Google, il colosso dell’informatica prende sempre di più le distanze da Uber e studia un’app per condividere i viaggi tra cittadini

chiudi


Google non si ferma mai e parte alla conquista del mercato del ride-sharing. I preparativi per un’attacco totale sono quasi ultimati, visto che il colosso americano starebbe lavorando a una app per spostarsi in auto condividendo il viaggio con altre persone. Niente di apparentemente rivoluzionario, perché in realtà un servizio simile esiste già ed ha un nome ben preciso: Uber. Alphabet, però, la holding che controlla Google, ha presentato un programma pilota alternativo di carpooling , che permetterebbe agli abitanti di San Francisco di ricevere o dare un passaggio verso il posto di lavoro a utenti dell’app per il monitoraggio del traffico Waze, di proprietà della stessa Alphabet.

Chi chiede il passaggio pagherà agli autisti 54 centesimi per miglio. La strategia non dichiarata del gigante dell’high tech lascia intuire una netta presa di distanza da Uber, l’alleato dell’altro ieri: nel 2013 Google Ventures aveva investito 250 milioni di dollari nella startup della Silicon Valley e aveva stretto una collaborazione per prenotare gli spostamenti con Uber tramite Google Maps.

Inoltre, David Drummond, vicedirettore generale di Alphabet per lo sviluppo aziendale, siede nel consiglio di amministrazione di Uber. A raffreddare i rapporti sono stati anche i piani di Uber sullo sviluppo di proprie tecnologie per la mappatura e per le auto senza conducente, fronti su cui Alphabet è al lavoro da tempo.

Google e Alphabet: ecco cosa è nato da una loro costola

Una curiosità: un team di persone che hanno lavorato per Alphabet ha lanciato una startup che scommette su tecnologie che permettano la guida autonoma di camion. La loro azienda si chiama Otto e punta a un mercato, quello del trasporto su gomma, con un valore negli Stati Uniti di 700 miliardi di dollari. La loro mossa si verifica mentre la stessa Alphabet, attraverso la controllata Google, e gruppi come Tesla, General Motors, Fiat Chrysler Automobiles e Uber stanno investendo nella guida autonoma di auto.

Fonte: Askanews