GP Australia F1: il bicchiere mezzo pieno

GP Australia F1: il bicchiere mezzo pieno

GP Australia F1: il bicchiere mezzo pieno

GP Australia vince Rosberg, secondo Hamilton, ma Vettel, terzo, dimostra la potenzialità della Ferrari. La vittoria sfugge per una “bandiera”

chiudi

Caricamento Player...

GP Australia, a vedere la classifica sembra il solito copione prima e seconda le Mercedes, terza la Ferrari, ma i rapporti in campo sono ben diversi di un anno fa. La Rossa e soprattutto Vettel ci sono e come. Chi si è alzato all’alba per vedere in diretta il GP ha visto una gara combattuta e ricca di emozioni. Sulla griglia di partenza ancora una volta in pole c’è Hamilton con al fianco Rosberg, ma alle spalle ci sono Vettel e Raikkonen. Nulla di diverso direte voi, ma c’è un ma… Al semaforo verde a scattare per prime sono le Ferrari con Vettel che prende il comando seguito a ruota da Raikkonen davanti a Rosberg. Parte invece malissimo Hamilton. Non è un fuoco di paglia ma le Rosse mantengono la testa della corsa.

Pauroso incidente al 17° giro

È una bandiera rossa, quella esposta al 17° giro dopo il pauroso incidente, per fortuna senza conseguenza, tra Fernando Alonso e Haas di Gutierrez a stravolgere una gara che sembrava alla portata della Ferrari e soprattutto di Vettel. Alonso tampona violentemente Gutierrez e si ribalta più volte disintegrando la sua Mclaren contro le barriere. Volo spaventoso, ma pilota miracolosamente illeso. La direzione corsa ordina la bandiera rossa e tutti i piloti rientrano in corsia box per permettere la rimozione delle due monoposto. Dopo 20 minuti la gara riparte. Dietro alla Safety car c’è Vettel davanti a Rosberg, che ha approfittato della sosta per montare gomme medie e puntare alla fine della gara. Anche Hamilton ha fatto lo stesso.

La Rossa di Raikkonen va in fumo

Al 23° giro, nuovo colpo di scena. Kimi Raikkonen rientra ai box con la bancata sinistra in fumo. La Ferrari si è appena arrestata che le fiamme divampano dalla presa d’aria sopra il casco del pilota, rapido intervento di un commissario con l’estintore e tutto si risolve senza alcuna conseguenza per Kimi, ancora una volta bersagliato dalla sfortuna, quando stava costruendo un’eccellente gara.

Il secondo posto di Seb finisce sull’erba

Al 35° giro Vettel in testa si ferma per montare il suo ultimo set di gomme soft, mentre le Mercedes sono “obbligate” alle gomme medie per andare fino al traguardo. Pit stop non dei migliori, con qualche problema nel fissaggio della ruota anteriore sinistra da parte dei meccanici. Seb ce l’ha mette tutta, rimontato 15 secondi a Hamilton, ma quando sembra pronto a giocarsi il secondo posto in volata, finisce nell’erba. Con manovra da manuale rientra in pista, ma ormai si deve accontentare delle terza posizione.

Ha vinto la Mercedes, ma la Ferrari ha dimostrato la sua potenzialità ed è rimasta in corsa. Non è la vittoria che voleva il presidente Marchionne, c’è stata qualche sbavatura ed errore di strategia gomme, ma se si vuole valutare il famoso bicchiere. Per Vettel e la Rossa, dopo questo primo GP d’Australia, è decisamente “mezzo pieno”.

Guarda la foto gallery del GP Australia