Presentata ufficialmente la Guida Michelin 2017

Presentata ufficialmente la Guida Michelin 2017

Presentata ufficialmente la Guida Michelin 2017

chiudi

La selezione dei ristoranti si troverà tra le pagine della “Rossa”, sulla App e in rete. Ecco la Guida Michelin 2017

La 62esima edizione della Guida Michelin cambia look, ma non… sguardo. È lo sguardo sull’Italia che rimane lo stesso. Al servizio del lettore, la Guida è una “fotografia” di una variegata situazione culinaria, una selezione della migliore cucina e accoglienza offerte dal Bel Paese. La qualità della cucina resta il criterio principale di classificazione. Il cambiamento riguarda la grafica e i contenuti, per renderla più facile e piacevole da consultare per il lettore. Sguardo sulla cucina italiana, dunque, ma sempre rivolto al lettore. Questo è l’impegno che guida gli ispettori, veri clienti, che come tutti i clienti pagano il conto e sono persone “qualsiasi”.

La Guida Michelin 2017 in sintesi

Con 33 novità tra i ristoranti di qualità, l’Italia si conferma la seconda selezione più ricca al mondo. Sono 5 i nuovi ristoranti a 2 stelle, 28 le new entry con 1 stella e 9 le stelle confermate con cambio chef. 260 i nuovi Bib Gourmand.

Nella 62a edizione della Guida Michelin confermano di avere una cucina che “vale il viaggio”, e quindi le 3 stelle Michelin, gli 8 ristoranti dell’edizione 2016: Piazza Duomo ad Alba, Da Vittorio a Brusaporto, Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio, Reale a Castel di Sangro, Enoteca Pinchiorri a Firenze, Osteria Francescana a Modena, La Pergola a Roma e Le Calandre a Rubano.

Sono 41 i ristoranti che “meritano una deviazione”, e quindi le 2 Michelin. Tra questi, 5 novità di cui una conferma: Danì Maison, Terra, Locanda Margon, Seta, Enrico Bartolini.

La Guida 2017 è un viaggio in Italia che davvero suggerisce… molte deviazioni. Danì Maison di Nino di Costanzo, a Ischia, è un viaggio nella tradizione partenopea scandito dai suoi classici, che passa per un giardino dai colori arcobaleno. È la novità più significativa al centro-sud. Le parole sono di Sergio Lovrinovich, caporedattore della Guida Michelin Italia. A voi viaggiare e assaggiare.