Heinz Reitbauer e Massimo Bottura: il Premio Eckart e oltre

Heinz Reitbauer e Massimo Bottura: il Premio Eckart e oltre

Heinz Reitbauer e Massimo Bottura: il Premio Eckart e oltre

Reitbauer e Bottura hanno vinto il Premio Eckart. Il primo è lo “Chef del decennio”. Il ristorante dell’Italiano è il migliore al mondo

chiudi

Caricamento Player...

Heinz Reitbauer, vincitore del Premio Eckart del 2014, è stato nominato “Chef del decennio”. Il riconoscimento è arrivato da Gault Millau e sarà ufficiale dal 6 settembr. Un ulteriore riconoscimento per la filosofia culinaria di Reitbauer. Heinz Reitbauer e suo padre hanno vinto l’Eckart Witzigmann Award per la loro “Art of Cookery”. Il premio, infatti, è un riconoscimento internazionale, assegnato in base ai progressi nell’avanzamento della conoscenza culinaria. Ma un parametro altrettanto importante è l’approccio responsabile alla nutrizione. Il Premio Eckart è assegnato in congiunzione con il Gruppo BMW.

Massimo Bottura, vincitore dello scorso anno, il 2015, ha raggiunto un ulteriore e importante traguardo. La sua Osteria La Francescana a Modena è stata nominata Miglior ristorante al mondo e tra i Migliori 50 ristoranti al mondo nel 2016.

Heinz Reitbauer e Massimo Bottura si sono distinti per le loro incredibili qualità culinarie e per i loro approcci visionari alla nutrizione.

Eckart, Witzigmann Academy e il Gruppo BMW

L’International Eckart Witzigmann Award è uno dei riconoscimenti più importanti del settore. In partnership con il Gruppo BMW Group, la Witzigmann Academy consegna annualmente i premi in tre categorie: “Art of Cookery”, “Innovation” e “Art of Living”. Inoltre, l’Academy ha presentato il suo primo Premio per “Creative Responsibility and Enjoyment” nel 2013, con in palio un premio da 10mila euro, tutto offerto dalla Casa automobilistica tedesca.

La lista dei passati vincitori include Daniel Boulud (New York City); Suo Altezza Reale Carlo, Principe del Galles (Highgrove); Elena Arzak (San Sebastian); Anne-Sophie Pic (Valence); Harald Wohlfahrt (Tonbach); Dieter Kosslick (Berlin); Ferran Adrià (Barcelona). E poi Marc Haeberlin (Illhaeusern); Joël Robuchon (Paris); Alex Atala (Sao Paulo); Jon Rose (Los Angeles); Mick Hucknall (Manchester) e molti altri ancora