Il killer silenzioso delle strade che ogni anno causa migliaia di incidenti

Il killer silenzioso delle strade che ogni anno causa migliaia di incidenti

Il killer silenzioso delle strade che ogni anno causa migliaia di incidenti

I colpi di sonno sulle strade ogni anno causano migliaia di incidenti stradali. Colpa della sindrome delle apnee ostruttive del sonno

chiudi

Caricamento Player...

Quali sono le principali cause degli incidenti stradali? Il triste elenco è purtroppo molto lungo e al suo interno troviamo elencati i soliti e ben noti colpevoli: abuso di sostanze stupefacenti, di bevande alcoliche, stanchezza, uso di cellulari e smartphone alla guida. di recente, tuttavia, ai molti volti dei pericoli su strada se ne aggiunge uno rimasto a lungo tempo nascosto. Il suo nome è Osas, semplicemente acronimo di Sindrome delle apnee ostruttive del sonno.

I dottori Sergio Garbarino, del dipartimento di neuroscienze, riabilitazione, oftalmologia, genetica e scienze materno-infantili dell’Università di Genova, Antonio Sanna, dell’ Unità di Pneumologia dell’Ospedale San Jacopo di Pistoia, e Alessio Pitidis, Marco Giustini e Franco Taggi del Dipartimento ambiente e traumi dell’Istituto Superiore della Sanità Ministero della Salute, hanno pubblicato una ricerca, sulla prestigiosa rivista scientifica inglese Chronic Respiratory Disease, in cui per la prima volta al mondo è stata individuata, tra tutti gli incidenti stradali documentati, la percentuale di quelli attribuibili agli autisti affetti da Osas. I risultati sono più che interessanti: è addirittura emerso che circa il 7 per cento degli autisti della popolazione generale affetti da Osas. E se si gioca con i numeri il quadro è davvero inquietante: nel 2014 gli incidenti stradali in Italia sono stati 248mila con 3.300 morti e 174mila feriti. Applicando a tali dati i risultati dell’analisi statistica condotta dai ricercatori italiani sono ben 7.360 gli incidenti stradali, causa di 231 morti e 12.180 feriti provocati da autisti con Osas.

In ultima analisi il risultato della ricerca permette di quantificare il guadagno, in termini di salute ed economico, ottenibile con progetti sanitari che abbiano come obiettivo la diagnosi precoce dell’Osas. L’Osas è una malattia curabile da cui si può guarire – commenta il dottor Sergio Garbarinola prevenzione e il trattamento precoce sono l’arma vincente che permette di migliorare la salute e la sicurezza dei cittadini spesso inconsapevoli di questa diffusissima malattia, permettendo inoltre di ridurre gli enormi costi socio-economici tali da incidere perfino sul nostro Pil. I dati del nostro studio permettono finalmente di avere una esatt a dimensione del problema su cui costruire un’adeguata e concreta strategia preventiva.

Fonte foto di copertina: Pixabay