Il trading in Bitcoin raggiunge Goldman Sachs

2208

Goldman Sachs finalmente lancerà la sua operazione di trading bitcoin dopo che il gigante delle banche d’investimento ha ceduto alle pressioni dei clienti entusiasti della criptovaluta. La mossa è destinata a rendere Goldman Sachs la prima grande banca di Wall Street ad aprire una piattaforma di trading in bitcoin , tuttavia all’inizio offrirà solo un numero limitato di derivati.

La creazione della piattaforma di trading, riportata per la prima volta dal The New York Times , è arrivata dopo che i senior figure di Goldman Sachs hanno concluso che il bitcoin non è una frode o semplicemente una bolla speculativa. L’operazione, guidata dal primo trader di “beni digitali” dell’azienda, Justin Schmidt, dovrebbe iniziare entro le prossime settimane, anche se non è stata fissata una data precisa. Al suo lancio, Goldman Sachs utilizzerà i propri fondi per scambiare i futures bitcoin per conto dei clienti.

“Questo non dovrebbe rappresentare un’enorme sorpresa per chiunque abbia prestato attenzione alle criptovalute negli ultimi 18 mesi. Qualsiasi istituzione finanziaria lungimirante deve comprendere questa tecnologia e accettare il suo enorme potenziale “, ha detto a The Independent Matthew Newton, un analista del rivenditore di criptovalute eToro. “Nonostante alcuni atteggiamenti iniziali, la realtà è che la maggior parte delle grandi banche ha già investito cifre significative nella ricerca e nello sviluppo nella tecnologia blockchain e nelle stesse criptovalute. Ci vorrà ancora del tempo prima che gli investitori istituzionali facciano il giro completo – e il fatto che Goldman non comprerà o venderà monete reali suggerisce che rimane ancora qualche scetticismo – ma c’è una crescente accettazione che queste risorse siano qui per restare “.