Incentivi GPL 2016, ecco quanto valgono

Incentivi GPL 2016, ecco quanto valgono

Incentivi GPL 2016, ecco quanto valgono

Incentivi GPL 2016: quanto valgono e a chi spettano

chiudi

Caricamento Player...

Niente incentivi GPL 2016 da parte dello Stato; purtroppo, per risparmiare qualcosa sulle auto a propulsione ecologica è necessario rivolgersi a iniziative di enti privati, regioni, province o comuni. La più diffusa a livello nazionale è quella del Consorzio Ecogas, ma il budget è relativamente limitato e ristretto ad alcuni comuni (l’elenco ufficiale è disponibile sul sito ufficiale). Ecco tutti i dettagli.

Conversione di veicoli con motori Euro 2 ed Euro 3

Tutti i veicoli per uso privato con motori Euro 2 ed Euro 3, immatricolati dal 1 gennaio 1997, il cui proprietario risieda in uno dei comuni aderenti all’iniziativa, possono richiedere uno sconto di 500€ sulla conversione a GPL. 150€ vengono scontati direttamente dall’installatore convenzionato, i restanti 350 saranno erogati dal Consorzio Ecogas.

Bi-Fuel su veicoli commerciali

Le imprese, gli enti pubblici e i liberi professionisti con veicoli commerciali dal peso inferiore alle 3.5 tonnellate, e motore da Euro 2 in poi, possono richiedere uno sconto di 750€ sull’installazione di un serbatoio GPL aggiuntivo (Bi-Fuel); l’intero importo è erogato dal Consorzio Ecogas, senza alcuno sconto da parte dell’installatore.

Dual Fuel Diesel / GPL

Una novità introdotta quest’anno è la possibilità di trasformare veicoli bi-fuel anche partendo da un sistema di alimentazione a gasolio. In questo caso l’offerta è riservata alle pubbliche amministrazioni e alle aziende, e a veicoli commerciali. L’incentivo ammonta a 750€, anche qui interamente erogato dal Consorzio Ecogas. Si tratta di un programma sperimentale, finalizzato a raccogliere informazioni e statistiche su questo nuovo sistema di alimentazione.

Fondi limitati

Il Consorzio Ecogas ha stanziato poco più di 1.8 milioni di euro per tutto il 2016, ripartiti nel seguente modo:

  • 1.500.000 di euro circa per i privati (punto 1), condiviso tra le auto a GPL e quelle a metano;
  • 300.000 euro circa per i veicoli commerciali (punti 2 e 3), condiviso i veicoli a GPL e quelli a metano.

È quindi consigliabile affrettarsi per richiederli; è sufficiente dirigersi sul sito ufficiale dell’iniziativa e seguire le istruzioni a schermo.

Altri incentivi

Esistono altre forme di incentivo che variano in base alla regione, alla provincia o al comune; il consiglio è di consultare tutti relativi siti ufficiali per accertarsi di non perdere occasioni. Se non si ha fretta, è bene anche seguire le campagne promozionali dei produttori e dei singoli concessionari: sempre più spesso l’oggetto delle offerte sono proprio i veicoli ad alimentazione “ecologica”, con sconti anche importanti sull’acquisto del nuovo (più raramente dell’usato).

Fonte foto copertina: Wikipedia