Kia Niro: è il primo Hybrid Utility Vehicle

Kia Niro: è il primo Hybrid Utility Vehicle

Kia Niro: è il primo Hybrid Utility Vehicle

Kia Niro: la Casa presenta il concept per la produzione del primo Hybrid Utility Vehicle, il SUV che si fa ecologico e a basse emissioni

chiudi


SUV e basse emissioni. Presto queste due parole potranno comparire all’interno della stessa frase. Anzi, servono a definire il concept della Kia Niro, che la Casa ha voluto definire, nemmeno troppo allusivamente, come il primo Hybrid Utility Vehicle. In altre e semplici parole, un SUV compatto in grado di inquinare poco e di mantenere un morigerato livello di emissioni. Il progetto di Kia Niro è stato concepito per rispondere perfettamente alle esigenze strutturali e di architettura di un veicolo ibrido. La sfida che in questo caso Kia sta cercando di vincere è quella di tenere il passo della globale tendenza motoristica – che punta con decisione sempre maggiore ai veicoli ibridi – anche in un segmento di mercato solitamente impermeabile a questo tipo di cambiamenti.

Kia Niro: CO2 sotto i 90 gr/km

Come era intuibile, lo sforzo principale dei progettisti della Kia Niro è stato quello di ottenere i consumi di carburante più bassi del segmento, con l’obiettivo di mantenere le emissioni di CO2 al di sotto di 90 gr/km secondo le specifiche del Ciclo NEDC (New European Driving Cycle). Ci sono riusciti grazie al sistema ibrido Kia formato dal motore 1600 a iniezione diretta di benzina (GDI) della famiglia Kappa con il motore elettrico da 32 kW e il pacco batterie litio-polimeri da 1,56 kWh.

Il primo agisce esclusivamente sull’asse anteriore, mentre il secondo, oltre a fornire potenza aggiuntiva in fase di ripartenza o sorpasso, agisce sull’asse posteriore (in caso di necessità) rendendola Kia Niro una vera e propria 4×4 dall’animo “green”. Il cambio è a doppia frizione a sei rapporti e in futuro è prevista l’evoluzione del modello in versione Plug-In con batterie ricaricabili.

Disegnata ad hoc

La struttura originale della Kia Niro è composta per più del 50% di acciai speciali ad alta resistenza che la Casa intende utilizzare in futuro per rispettare l’obiettivo di ottenere una riduzione del 5% nel peso delle vetture da qui al 2020. Più leggera ma robusta e sicura come sempre, Kia assicura che l’operazione dimagrante assicura anche la riduzione dei disturbi NVH (Noise, Vibration, Harshness) e della rumorosità generale; mentre la rigidezza complessiva è alla base di una eccezionale dinamica di marcia.