La storia torna in strada: riparte il Circuito di Milano

La storia torna in strada: riparte il Circuito di Milano

La storia torna in strada: riparte il Circuito di Milano

chiudi

Oltre cinquanta vetture degli Anni Venti, Trenta e Quaranta. E con loro anche due ultracentenarie. Tutti i numeri del Circuito di Milano

Dopo 80 anni torna il circuito di Milano. L’appuntamento, organizzato dalla Commissione Sportiva dell’Automobile Club Milano, è per domenica 25 settembre alle 9.30. Il Circuito di Milano rievocherà le manifestazioni svoltesi nella seconda metà degli Anni Trenta e Quaranta. E che videro trionfare l’Alfa Romeo lungo i viali del Parco Sempione.

Oltre 50 vetture in gara costituiranno un vero e proprio museo viaggiante lungo i 20 chilometri circa di tracciato da percorrere due volte (una per ognuna delle due tappe in programma). E che attraverserà la città toccando e lambendo, fra l’altro, il Quadrilatero della Moda, Porta Nuova, l’Arco della Pace, la Fiera Campionaria, Porta Magenta, Il Giardino della Guastalla, il Tribunale, il tutto con partenza ed arrivo in via Marina.

Ognuna delle 53 vetture iscritte rappresenta un importante pezzo di storia. A partire dalle ultracentenarie Seabrook RMC del 1911, prodotta dalla Regal MotorCar Company di Detroit per il mercato britannico, e Lancia Theta del 1914, vettura costruita fino al 1918 innovativa per l’epoca per le sue dotazioni.

Circuito di Milano: il passato parla ancora

Questa la nota ufficiale di presentazione dell’evento.

L’edizione 2016 del Circuito di Milano, prima rievocazione, riporta alle tre storiche edizioni che si svolsero nel 1936, nel 1937 e nel 1946 . Transitando nei pressi dell’Arena, dell’Arco della Pace e del Castello.

Era il 28 giugno 1936 quando le strade della città di Milano, furono teatro di due appassionanti gare riservate alle vetture fino a 1500 cc. e a quelle oltre 1500. Nella prima si impose Carlo Felice Trossi che precedette Emilio Villoresi, entrambi su Maserati. Mentre nella seconda, dove vi fu una griglia con 12 monoposto, si sviluppò un gran duello fra l’Alfa Romeo di Tazio Nuvolari e l’Auto Union di Achille Varzi. Vinse il Mantovano Volante ad una media di oltre 97 chilometri all’ora.

Questo e il resto appartengono alla storia.