Maggiolino Volkswagen: 70 anni della tedesca più conosciuta

Maggiolino Volkswagen: 70 anni della tedesca più conosciuta

Maggiolino Volkswagen: 70 anni della tedesca più conosciuta

Il Maggiolino Volkswagen compie 70 anni: la produzione di massa fu avviata dopo il Natale del 1945, segnando l’inizio di un’era

chiudi


A Wolfsburg era da poco passato il Natale; era, per la precisione, il 27 dicembre del 1945 quando il primo Volkswagen Type 1 – il modello che, come Maggiolino Volkswagen, sarebbe stato successivamente venduto più di 21 milioni di volte – entrò in linea di produzione. Anche per questa icona tedesca fu un esordio difficile: alla fine dell’anno erano stati prodotti solo 55 veicoli in totale. Prima ancora, durante il conflitto la KdF-Wagen, Kraft durch Freude-Wagen, ovvero “auto della Forza attraverso la Gioia”, era stata prodotta in appena 630 unità. Poi il sito di Wolfsburg fu occupato dalle truppe statunitensi l’11 aprile del 1945; ma fu solo nel giugno dello stesso anno che il Governo britannico decise di prendere in mani le sorti del sito e di riconvertilo a produzione civile.

La storia del Maggiolino Volkswagen passa inevitabilmente attraverso le mani dell’allora 29enne generale britannico Ivan Hirst, che riuscì a stabilizzare per il biennio successivo la produzione intorno ai 1000 veicoli al mese. Le vetture inizialmente vennero destinate solo per gli usi militari delle forze alleate e per i servizi delle zone rurali vicine. Fu solamente dopo la riforma del 1948 che emerse un significativo gruppo di acquirenti privati.

Risanata l’azienda e venuto il tempo di far ritorno in patria, il maggiore Hirst dovette scegliere un direttore tedesco per la nuova Volkswagen; un compito visto il passato regime nazista dei molti candidati. La scelta alla fine cadde su Heinz Nordoff che seguì la strada tracciata da Hirst, portando al giusto regime il ritmo produttivo, fino a vendere, nel 1949, quasi 50mila esemplari. Il miracolo economico della Germania era iniziata. Il Maggiolino Volkswagen da lì a poco sarebbe entrato nella storia dell’automobile,