Max Verstappen, il nuovo Re della F1 emerso dalle acque

Max Verstappen, il nuovo Re della F1 emerso dalle acque

Max Verstappen, il nuovo Re della F1 emerso dalle acque

chiudi

Max Verstappen dopo l’incredibile show sul circuito di San Paolo, trasformato dalla pioggia in una insidiosa piscina, è il nuovo eroe della F1

Per Max Verstappen, dopo lo show nella piscina di San Paolo, gli aggettivi e i paragoni si sprecano. I media di tutto il mondo incensano e salutano la nascita di un nuovo eroe capace di entusiasmare il pubblico sulle tribune e tenere incollati al televisore milioni di spettatori sparsi per il globo. Senza di lui il Gran Premio del Brasile – durato oltre tre ore tra interruzioni, asfissianti giri dietro la safety car ed interminabili pause a box in attesa di un improbabile miglioramento delle condizioni climatiche -, sarebbe stato una insopportabile pizza anche per il più stoico degli appassionati di F1.

Quindici sorpassi in 15 giri

Invece il piccolo Max, con i suoi sorpassi alla “spera in Dio” tra nuvole d’acqua che non permettevano “agli altri” di vedere un accidente, ha fatto miracoli ed è stato miracolato. Ho contato ben 15 sorpassi in 15 giri. Assolutamente pazzesco se si considerano le condizioni della pista e la visibilità in alcuni tratti pressoché nulla che costringeva campioni navigati a sollevare il piede e a una guida “sulle uova” per evitare l’aquaplaning e finire in testa coda come è successo prima a Vettel e poi a Raikkonen, due campioni del mondo che non hanno certo paura di correre in condizioni proibitive. Lui no, lui tiene giù il piede. Cerca e trova linee impossibili. Sale in cattedra del rischio e fa apparire “gli altri” scolaretti alle prime armi, padroneggiando la sua Red Bull in modo incredibile, riprendendola anche quando sembra ormai appare irrimediabilmente persa.

Sprezzante e coraggioso piace alla gente

Logico che Max Verstappen piaccia alla gente e persino chi considera la sua guida in pista a volte al limite se non della scorrettezza quantomeno del regolamento, non può fare a meno di ammirarne il coraggio e lo straordinario talento che lo proietta nell’Olimpo dei grandi del volante, lui che ha solo 19 anni e una carriera ancora tutta da costruire. Max è uno che va di fretta e non guarda in faccia a nessuno. Nel 2015, ancora minorenne e con un curriculum brevissimo fra kart e Formula 3, la Red Bull gli offre un sedile in F1 nel team satellite Toro Rosso. Chiunque alla sua età avrebbe fatto i salti di gioia e se ne sarebbe stato lì, buono buono, ad imparare dai grandi. Lui no, brucia le tappe. Fa impazzire gli avversari e i commissari con manovre al limite e oltre. A maggio gli spregiudicati dirigenti Red Bull tolgono il sedile al russo Kvyat e promuovono titolare la matricola Verstappen. Da qui è un crescendo, alla prima gara vince a Barcellona e per tutti diventa il giovane Leone delle Fiandre, il resto e cronaca.

Oggi è “Max Attack” o “Mad Max”, il prescelto, l’erede designato di Ayrton Senna e Gilles Villeneuve. Anche se è difficile fare paragoni con piloti che guidavano monoposto totalmente differenti delle attuali sia nella tecnica come nel comportamento, indubbiamente lo stile di guida e certi atteggiamenti di Max Verstappen ricordano quelli dei due indimenticabili assi del volante, altrettanto coraggiosi e sprezzanti del pericolo che il giovane talentuoso olandesino. Tuttavia solo il tempo ci dirà se nella piscina di San Paolo è nato il nuovo Re della F1.