Mazda 3, la compatta super efficiente

Mazda 3, la compatta super efficiente

Mazda 3, la compatta super efficiente

Al Salone di Ginevra Mazda, oltre alla fascinosa Rx Vision, ha presentato anche la Mazda 3, modello campione di ecologia ed emissioni

chiudi


Al Salone di Ginevra i riflettori sono stati abbondantemente puntati sulla Mazda Rx Vision (per leggere il nostro completo approfondimento non vi resta che cliccare QUI), concept già pluripremiato di una vettura sportiva che monta il motore rotativo; ma anche la Mazda 3 merita le giuste attenzioni: forse meno appariscente rispetto alla “sorella” sportiva, questo modello vanta comunque un primato invidiabile. Stando infatti a quanto dichiarato dal costruttore, la Mazda 3 vanta il più basso livello di emissioni disponibile oggi in Europa – insieme alla gamma Europea al completo.

Mazda 3

La casa automobilistica ha aggiunto alla gamma della compatta Mazda 3 anche il suo motore più sobrio, lo Skyactiv-D 1.5. Caratterizzato da compressione estrema, come tutti i motori Skyactiv, il diesel pulito da 105VC e 77kW emette 270Nm di coppia massima con consumi nel ciclo combinato pari a 3.8l / 100 km ed emissioni di CO2 sotto i 100g / km con cambio manuale. Una novità rispetto allo Skyactiv-D 1.5, che è attualmente offerto con la Mazda CX-3 e Mazda2, è il cosiddetto “Natural Sound Smoother” che ammorbidisce ulteriormente il suono del diesel assorbendo le vibrazioni ai pistoni, per un maggior comfort di guida. Già disponibile nei mercati con guida a destra, questa nuova versione Mazda3 è prevista per essere commercializzata nel resto d’Europa in primavera.

Mazda 3

Mazda 3, l’ultimo tassello di una strategia in crescita

Quindi da un lato la super sportiva, dall’altro la super efficiente. E le casse del costruttore ringraziano. La domanda per l’attuale gamma di Mazda – anch’essa esposta sullo stand a Ginevra – continua la sua crescita senza sosta. Le vendite a gennaio sono salite del 33,5% anno-su-anno in Europa, e Mazda ha visto crescere la sua penetrazione sul mercato all’1.8% (1.4% in Gennaio 2015) e delle 0.9% confrontato con lo stesso mese del 2012.