Mazda Sky Activ: consumi da primato negli USA

Mazda Sky Activ: consumi da primato negli USA

Mazda Sky Activ: consumi da primato negli USA

Mazda Sky Activ consente alla Casa nipponica di porsi al vertice, per il terzo anno consecutivo, della classifica dei consumi stilata dalla statunitense EPA.

chiudi

Caricamento Player...

L’EPA (Environmental Protection Agency), l’Agenzia per l’ambiente statunitense salita agli onori della cronaca e ormai nota al grande pubblico per il Volkswagen Dieselgate, presenta ogni anno la Light Duty Fuel Economy Trends. In pratica gli esperti dell’EPA utilizzano valori ponderati per esprimere i cicli di consumo combinato per ogni modello in un dato anno, pesando la media in base al volume delle vendite. Le cifre (espresse in mpg) di distanza in miglia dichiarate sono circa il 20 per cento inferiori ai valori di laboratorio non ponderati.

Dalla classifica che ne deriva risulta che la tecnologia Mazda Sky Activ consente la migliore economia di carburante in condizioni di guida reale negli Stati Uniti. La Casa automobilistica giapponese è in testa alla lista dei produttori per l’anno 2014, per la terza volta consecutiva figura al primo posto, e anche per il 2015 resta la prima sulla base dei primi dati EPA.

Il consumo medio di carburante dichiarato dal produttore (ciclo combinato) per tutti i modelli Mazda venduti nel 2014 negli Stati Uniti è stato di 29.4mpg (8.0l / 100 km), con un miglioramento di quasi il 5% rispetto all’anno precedente, con emissioni di CO2 di 302g / miglio (188g / km), più basse del 9% rispetto alle precedenti. In confronto, le medie complessive per il mercato statunitense erano 24.3mpg (9.7l / 100km) e 366g / miglia (227g / km). Le cifre EPA riflettono il chilometraggio e le emissioni di CO2 nel cosiddetto “mondo reale”, in maniera più coerente rispetto ai parametri NEDC utilizzati in Europa.

Questo risultato è in gran parte attribuibile alla tecnologia Mazda Sky Activ, una gamma di motori, trasmissioni, telai e carrozzerie sviluppate da zero. I risultati EPA riflettono anche la soluzioni tecniche sperimentate dall’azienda per ottimizzare la combustione interna nei motori in generale e nello specifico nelle unità benzina aspirate.

Mazda con gli attuali motori Sky Activ è stata in grado di incrementare l’efficienza nel consumo di carburante di oltre il 30% confrontata con i livelli del 2008 e si propone un risultato simile con i propulsori di prossima generazione, senza dover fare per forza ricorso a soluzioni ibride o elettriche.