Mercedes 260 D, la prima Diesel (ah, buon compleanno!)

Mercedes 260 D, la prima Diesel (ah, buon compleanno!)

Mercedes 260 D, la prima Diesel (ah, buon compleanno!)

chiudi

Sono 80 anni del motore Diesel, che debutta sulla Mercedes 260 D nel 1936. La festa di compleanno ad Auto e Moto d’Epoca

Nel 1936, la Mercedes 260 D (W 138) è la prima Casa automobilistica a prendere la coraggiosa decisione di montare un motore Diesel quattro cilindri su un’auto di serie. 40 anni dopo, con la C 111, è la volta del primo motore turbodiesel. Che entrerà nella produzione di serie con la Mercedes 300 SD del 1979. Due importanti anniversari che la Stella ha scelto di festeggiare a Padova, Auto e Moto d’Epoca 2016.

Dalla Mercedes 260 D e oltre

Ovviamente non c’è solo la Mercedes 260 D a rappresentare la Stella ad Auto e Moto d’Epoca 2016. C’è anche la W196, la leggendaria monoposto di Juan Manuel Fangio. Accanto alla Mercedes AMG F1 W07 Hybrid che ha appena conquistato il Mondiale F1costruttori. In pit-lane anche la C 111 nella versione equipaggiata 40 anni fa con il primo motore turbo diesel automobilistico mai costruito al mondo. In un’emozionante alternanza tra passato e presente c’è spazio anche per anche la Mercedes-Benz 450 SLC 5.0 ‘Bandama’ e la race-car Mercedes AMG GT3, affiancata dalla leggendaria 190 E 2.5-16 Evo I DTM. A fare gli onori di casa la 300 SL ‘Ali di gabbiano’, icona per eccellenza della sportività della Stella.

L’evoluzione che porta al presente

In 80 anni di storia la Casa di Stoccarda ha trasformato il motore Diesel in una meravigliosa macchina con elevati valori di coppia, efficiente e pulita. Tra le innovazioni tecnologiche spiccano il turbocompressore, la tecnologia a quattro valvole, la fasatura elettronica e l’iniezione diretta common rail. Il tutto si traduce nella nuova Classe E, ambasciatrice dell’evoluzione tecnologia raggiunta dai propulsori Diesel della Stella, campioni eco-friendly di efficienza e prestazioni. Una strategia che continua decisa anche nell’era della nuova mobilità. Il futuro – lo abbiamo già detto – sarà popolato da auto in cui la componente elettrica sarà la protagonista.