Mercedes Benz Classe E 2a parte: sistemi “intelligenti”

Mercedes Benz Classe E 2a parte: sistemi “intelligenti”

Mercedes Benz Classe E 2a parte: sistemi “intelligenti”

La Mercedes Benz Classe E è dotata di sistemi alla guida di prossima generazione. Tra questi spicca il Drive Pilot, passo decisivo verso la guida autonoma.

chiudi


La Mercedes Benz Classe E si pone soprattutto in evidenza per i sofisticati sistemi di assistenza alla guida che elevano sensibilmente i livelli di sicurezza attiva e passiva ed aprono la strada alle future vetture a guida autonoma.

Il Brake Assist attivo è di serie. Questo sistema è in grado di allertare il guidatore quando incombe il pericolo di una collisione, di fornirgli la massima assistenza nelle frenate di emergenza e, se necessario, di frenare automaticamente. Oltre ai veicoli più lenti, in fase di arresto o fermi, il sistema riconosce anche, per esempio, i pedoni in attraversamento che si trovano nella zona di pericolo davanti alla vettura.

L’Attention Assist con soglia di sensibilità regolabile, è in grado di riconoscere e segnalare eventuali sintomi di disattenzione e stanchezza del guidatore, e il sistema di assistenza in presenza di vento laterale. Questo sistema aiuta il guidatore perché è in grado di attenuare considerevolmente lo spostamento della vettura dalla propria traiettoria causato da forti raffiche di vento laterale.

Il Brake Assist attivo rispetto alla versione di serie, rileva soglie di velocità maggiori di veicoli e pedoni. Inoltre è in grado di rilevare il traffico trasversale agli incroci e di frenare autonomamente se il guidatore non reagisce; per la prima volta è in grado di rilevare situazioni di pericolo alla fine di una coda senza possibilità di scarto e, in questo caso, di frenare in autonomia molto più tempestivamente. Ciò consente di evitare completamente incidenti fino a 100 km/h oppure, se la velocità è superiore, di ridurre notevolmente l’entità dell’impatto. Un’utile integrazione del riconoscimento dei pedoni del Brake Assist attivo è l’assistenza allo sterzo nelle manovre di scarto. Se in una situazione di pericolo il guidatore inizia una manovra di scarto, volontaria o istintiva, questa funzione può aiutarlo imprimendo alla sterzata momenti sterzanti aggiuntivi calcolati con precisione. Questi lo aiutano a evitare il pedone in modo controllato, consentendo alla vettura di rientrare più facilmente in carreggiata per poter proseguire in sicurezza.

Il Drive Pilot compie un ulteriore passo avanti in direzione della guida autonoma. Su strade extraurbane e in autostrada, il Distance Pilot Distronic è in grado di mantenere automaticamente la distanza corretta rispetto ai veicoli che precedono, ma anche, per la prima volta, di seguirli fino ad una velocità di 210 km/h! Altrettanto unica nel suo genere è la capacità del sistema di continuare a intervenire attivamente fino a 130 km/h come all’interno di uno sciame, tenendo presenti veicoli circostanti e strutture parallele, anche quando le linee non sono perfettamente chiare, per esempio in prossimità di lavori in corso, o addirittura quando mancano completamente. Questo sistema, perciò, è di grande aiuto per il guidatore soprattutto nel traffico in colonna e in coda.

Altra novità che contribuisce a ridurre lo stress è lo Speed Limit Pilot, una funzione parziale inseribile che, in abbinamento al Comand Online, può regolare automaticamente i limiti di velocità rilevati dalla telecamera o dalla navigazione, per esempio 50 km/h nei centri urbani o 90 km/h sulle tangenziali.

Tra le innovazioni del Drive Pilot, vi è il cambio corsia attivo. Questo sistema di assistenza, basato su radar e telecamera, assiste il guidatore nei cambi di corsia sulle strade a più corsie ed è in grado di dirigere la vettura sulla carreggiata scelta dal guidatore – per esempio nei sorpassi. Quando il guidatore inserisce l’indicatore di direzione per almeno due secondi, l’assistente cambio corsia attivo lo aiuta attivamente a spostarsi sulla corsia adiacente dopo aver verificato che sia libera.

Sistema di parcheggio autonomo con attivazione a distanza: questo sistema permette per la prima volta di eseguire le manovre in ingresso e in uscita da parcheggi e garage dall’esterno, utilizzando un’app per smartphone, e consente di salire e scendere comodamente dalla vettura persino negli spazi più stretti.

Il Car-to-X Communication consente lo scambio di informazioni con altri veicoli, che potrebbero per esempio precedere la vettura, sfrutta la rete di telefonia mobile. Il guidatore può così essere allertato più tempestivamente che mai in caso di pericoli imminenti, per esempio un veicolo in panne sul ciglio della strada, ma anche nebbia, forti piogge, o ghiaccio sul fondo stradale.

Il Pre-Safe Impulse Side se rileva l’imminente pericolo di una collisione, sposta il guidatore o il passeggero anteriore di lato, allontanandolo preventivamente dalla zona di pericolo. In poche frazioni di secondo, la camera d’aria sul lato dell’impatto, situata nel sostegno laterale dello schienale anteriore, si gonfia rapidamente. La distanza rispetto alla porta aumenta, e al tempo stesso si riducono le forze che agiscono sul passeggero.

Il Pre-Safe Sound sfrutta un riflesso naturale dell’orecchio interno umano – il riflesso stapediale. Se rileva il pericolo di una collisione, emette un breve suono di disturbo attraverso l’impianto audio della vettura. Questo suono è in grado di attivare il riflesso naturale dell’udito, preparando gli occupanti al rumore di un possibile impatto.