Milano AutoClassica: l’asta delle meraviglie

Milano AutoClassica: l’asta delle meraviglie

Milano AutoClassica: l’asta delle meraviglie

A Milano AutoClassica si è svolta Classic Cars, Motorcycles & Automobilia, organizzata dalla Galleria Pananti Casa d’Aste

chiudi


Per la prima volta, Milano AutoClassica ha ospitato un’asta di Classic Cars, Motorcycles & Automobilia, organizzata dalla Galleria Pananti Casa d’Aste in collaborazione con Banca Leonardo e con la consulenza di Alessandro Bruni e Franco Bellucci.

40 vetture da sogno all’incanto

Circa 40 esemplari di auto storiche sono andate all’incanto. Numerosi pezzi pregiati che hanno trovato un acquirente tra il numeroso e qualificato pubblico cosmopolita che ha affollata la sala.
Tra le vetture battute:
SIATA DAINA 1400 GRAN SPORT, Berlinetta carrozzata Stabilimenti Farina, della quale sono stati costruiti solo pochissimi esemplari fra il 1926 e il 1970. Il modello che è andato all’asta ha avuto una brillante carriera nelle gare negli Stati Uniti, come documentano le targhette poste sul radiatore del veicolo. La SIATA Daina GS è una eligible car Mille Miglia, uno dei più importanti concorsi d’eleganza per autovetture (stima 300-350mila euro).
FIAT 500 C SPORT MOR & SCA (1949), costruita su telaio FIAT 500 C “Topolino” del 1949, e carrozzata dalla Mor&Sca, che ha partecipato alla Mille Miglia 1950 con l’equipaggio bresciano Boccardi-Schreiber (stima 140-180 mila euro).

Il fascino delle barn find

Durante l’asta sono state battute anche diverse automobili barn find: ovvero esemplari abbandonati da tempo in autorimesse e garage. Tra le più eclatanti scoperte un’ALFA ROMEO 1900 TI SUPER del 1955, una GIULIA 1600 SUPER carrozzata station wagon appartenuta alla Polizia di Stato per i servizi sulle Autostrade negli anni ’70 e una PORSCHE 356 modello A del 1957.

Numerose le Ferrari, Maserati, Porsche e altre vetture da sogno che hanno trovato un nuovo proprietario. Nella nostra foto gallery abbiamo raccolto alcuni degli esemplari in linea con lo spirito della nostra testata, indicandone la stima d’asta che permette di avere la loro reale quotazione di mercato.

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella foto gallery