Motorizzazioni per BMW Serie 6 Cabrio, la scelta per l’Italia

Motorizzazioni per BMW Serie 6 Cabrio, la scelta per l’Italia

Motorizzazioni per BMW Serie 6 Cabrio, la scelta per l’Italia

chiudi

Motorizzazioni per BMW Serie 6 Cabrio: tutte le unità previste sul mercato italiano

Motorizzazioni per BMW Serie 6 Cabrio: una panoramica completa e dettagliata di tutti i motori disponibili per l’Italia. Inclusi dettagli e opzioni di trasmissione e tipo di trazione.

Motori a benzina

Un’auto di fascia alta come la BMW Serie 6 Cabrio merita una serie di motori di prim’ordine. In questo senso BMW non delude assolutamente, con due potenti unità turbocompresse (tecnologia TwinPower Turbo):

4.0 – Il motore di base, un sei cilindri in linea, sviluppa la bellezza di 320 CV. È abbinabile esclusivamente alla trazione automatica (non quella sportiva). Per la potenza e la cilindrata, i consumi sono piuttosto onesti. Siamo sull’ordine dei 7.6 – 7.9 litri per 100 km. Se abbinato alla trazione integrale xDrive, il motore è disponibile anche con cambio automatico Sport.

5.0 – Un motore dalla potenza elevatissima: 450 CV, per consumi che sfiorano solo i 9 litri per 100 km. Anche in questo caso, è previsto il solo cambio automatico, niente manuale. Il 5.0 non è disponibile con trazione integrale xDrive.

Motori (o meglio, motore) a gasolio

L’elenco dei motori diesel disponibili per la BMW Serie 6 Cabrio, in Italia, è molto corto. Conta solo una voce: un quattro litri con sei cilindri in linea turbocompresso. Non che il motore lasci nulla a desiderare: sviluppa ben 313 CV. I consumi? Tra i 5.4 e i 5.8 litri per 100 km. Più che gestibili.

La trasmissione prevista, come per tutta la gamma Serie 6 Cabrio, è esclusivamente automatica. Il motore è previsto anche in configurazione con trazione integrale xDrive, anche in questo caso solo con cambio automatico.

Come accade praticamente sempre per le vetture a trazione integrale, a parità di motore, i consumi crescono un pochino. Si passa infatti a un range di 5.6 – 6.0 litri per 100 km. Si rimane comunque tra la fascia A e la fascia B dell’indicatore schematico dell’efficienza energetica. Non si può pretendere molto di meglio.