Nissan salva Mitsubishi: come cambiano gli equilibri

Nissan salva Mitsubishi: come cambiano gli equilibri

Nissan salva Mitsubishi: come cambiano gli equilibri

Nissan diventa primo azionista di Mitsubishi e grazie all’alleanza con Renault si crea un colosso che raggiunge la produzione di 9,5 milioni di veicoli

chiudi


Giappone e Francia alla conquista del mondo intero: la giapponese Mitsubishi,  ha accettato il salvataggio della connazionale Nissan, che a questo punto diventerà primo azionista. A ciò si aggiunga un’alleanza strategica con un altro grande produttore del Vecchio Continente: Renault. Così si viene di fatto a creare un nuovo contendente per il podio dei maggiori produttori mondiali di auto. Il “tridente” Renault, Nissan e Mitsubishi raggiunge un livello di produzione di 9,5 milioni di veicoli, non lontano dai 10,15 milioni di veicoli sfornati lo scorso anno da Toyota, numero uno globale alle cui spalle si attestano il gruppo Volkswagen, con 9,9 milioni di veicoli, e General Motors con 9,8 milioni.

Nissan, Mitsubishi e Renault: come nasce il trittico?

In base a quanto specificato nelle comunicazioni obbligatorie, Nissan rileverà 506 milioni di azioni Mitsubishi a un prezzo unitario di 468,52 yen, per un ammontare complessivo di circa 2,2 miliardi di dollari. Sorridono gli investitori europei, nel primo pomeriggio a Parigi le azioni renault segnano un più 1,92 per cento a 82,84 euro. Nissan si ritornerà in mano una quota del 34 per cento del capitale, salendo di colpo al primo posto tra gli azionisti, davanti alla stessa Mistsubishi Heavy Industries che, completato l’ingresso, avrà un 20 per cento. Mistubishi è schizzata al rialzo del 16 per cento mentre l’altra giapponese ha mostrato una flesisone dell’1,44 per cento.

Questa operazione rappresenta un potenziale successo per entrambe le società e promette opportunità di crescita, ha commentato l’amministratore delegato del marchio Giapponese e di quello francese, Carlos Ghosn. Siamo determinati a preservare il marchio Mitsubishi. Non ci sarà confusione – ha precisato – Nissan resta tale e Mitsubishi resta Mistubishi.

Fonte: Askanews