Obbligo di esporre l’assicurazione: da quando è finito

Obbligo di esporre l’assicurazione: da quando è finito

Obbligo di esporre l’assicurazione: da quando è finito

chiudi

Una piccola rivoluzione arriva anche in Italia: da 2015 addio al tagliando di assicurazione sul parabrezza dell’auto

Addio al tagliando di assicurazione esposto sul parabrezza della propria auto. Dal 18 ottobre del 2015, infatti, anche l’Italia si è aggiornata seguendo altri paesi europei andando a rimuovere l’obbligo di esporre il tagliando della copertura assicurativa. Si tratta di una piccola rivoluzione ancora una volta a favore dell’enorme diffusione di internet.

Cosa cambia?

Il decreto legislativo liberalizzazione ha rivoluzionato non poco il mondo delle auto e delle assicurazioni. Il tagliando dell’assicurazione RC è divenuto oramai vecchio e per questo motivo dal 18 ottobre 2015 è possibile evitare di esporlo sul parabrezza del proprio veicolo. E’ obbligatorio però avere con se il libretto di circolazione e il certificato di assicurazione che potrebbe essere richiesto in caso di controllo da parte di agenti. Ma allora cosa cambia per gli automobilisti? In realtà proprio nulla. Chi ha da sempre pagato l’assicurazione può stare tranquillo. Oggi l’auto viene identificata tramite il numero di targa che diventa in un certo senso la “carta di identità” del veicolo. Tramite il sistema Targa System sarà possibile confrontare la targa del veicolo con i dati del proprietario effettuando così dei controlli mirati da parte delle Forze dell’Ordine, delle assicurazioni e dell’Agenzie dell’Entrate.

Perché questa scelta?

La scelta di procedere con la rimozione del tagliando è stata studiata e pensata dall’autorità competenti. Si è valutato, infatti, che nel corso degli anni non si contano le frodi legate alla falsificazione di tagliandi assicurativi. L’esposizione del tagliando, infatti, è stata per tantissimi anni un vero e proprio lasciapassare per milioni di truffaldini. Basti pensare che solo in Italia si contano la cifra record di 4 milioni di veicolo che circolano senza alcuna assicurazione RC. Un popolo di furfanti a cui le autorità competenti stanno cercando di ovviare proprio con questa piccola grande rivoluzione. Tutti i dati dei veicoli provvisti di una polizza assicurativa, infatti, sono registrati all’interno di un database rintracciabile in qualsiasi momento sul sito www.ilportaledellautomobilista.it. Basterà collegarsi al sito ed inserire il numero di targa per verificare la presenza di una copertura assicurativa sul veicolo.