Quando richiedere esenzione bollo auto storiche: tutti i dettagli

Quando richiedere esenzione bollo auto storiche: tutti i dettagli

Quando richiedere esenzione bollo auto storiche: tutti i dettagli

chiudi

Quando richiedere esenzione bollo auto storiche: tutte le informazioni indispensabili

Quando richiedere esenzione bollo auto storiche: una guida dettagliata sulle auto idonee, la procedura burocratica da seguire e consigli vari.

Una situazione mutata con le nuove leggi

La recente Legge di stabilità ha cambiato un po’ le cose nel panorama delle auto storiche. Ci sono ora due tipologie di veicolo: le auto d’epoca propriamente dette e le auto d’interesse storico. Ecco qual è la distinzione:

  • Le auto d’epoca sono auto che sono state formalmente cancellate dal PRA e che non possono più circolare liberamente per strada. Le eccezioni, naturalmente, sono i raduni creati ad hoc per questo tipo di vettura.
  • Le auto d’interesse storico, invece, sono auto “vecchie” che hanno la libertà di circolare liberamente. Per rientrare in questa speciale categoria, è necessario che l’auto soddisfi certi requisiti burocratici. Deve essere riconosciuta dall’ente competente, deve ricevere un attestato ed essere iscritta in uno speciale registro.

Auto sopra i trent’anni di età

La distinzione principale riguarda l’età oltre le quali le auto hanno diritto di non pagare più il bollo. Una volta l’età doveva essere vent’anni, mentre ora è salita a trenta. La motivazione è tanto semplice quanto banale: fare cassa.

Questi soldi rientrano nelle casse delle regioni. Le regioni, per venire incontro ai cittadini, possono decidere di applicare uno sconto del 10 per cento sul bollo sulle auto che ora sono state escluse. In altre parole, quelle che hanno più di 20 anni ma meno di 30 anni.

Come richiedere l’esenzione

Come spesso succede quando si tratta di novità burocratiche, la risposta è: non è chiaro. In questo primo periodo la soluzione migliore è fare affidamento sull’esperienza degli enti ufficiali.

In altre parole, la pratica più saggia è recarsi all’ACI o ad agenzie analoghe, esporre con chiarezza la propria situazione e valutare le possibilità a disposizione.