Rc Auto, i prezzi calano, ma nel Mezzogiorno…

Rc Auto, i prezzi calano, ma nel Mezzogiorno…

Rc Auto, i prezzi calano, ma nel Mezzogiorno…

Ma il Codacons avverte. Per Rc Auto al Sud prezzi non scendono e resta troppo ampio il divario con il Nord

chiudi

Caricamento Player...

Continua la discesa dei prezzi Rc auto anche nel primo trimestre del 2016. La nota negativa è che la variabilità nel territorio “rimane ampia”. Sono questi i i risultati dall’Istituto di vigilanza. Le variazioni dei prezzi nelle Province su base annuale oscillano tra il -2,4 e il -13,2 per cento. La flessione è più accentuata nelle Province del sud e della Sicilia.

Il premio medio per la garanzia Rc auto nel primo trimestre 2016 è pari a 425 euro. Il premio si è ridotto del -3,1 per cento rispetto al quarto trimestre del 2015 e del -7 per cento rispetto al primo trimestre del 2015.

I prezzi più alti per le polizze Rc Auto, invece, si registrano anche in Liguria, Toscana ed Emilia Romagna con punte in alcune province come Prato.

Rc Auto, gap da ridurre nel Mezzogiorno

È “vero” che il costo medio nazionale dell’Rc Auto appare in diminuzione. Ma il fenomeno non è generale e non riguarda tutte le regioni d’Italia. Così il Codacons contesta fortemente i dati dell’Ivass relativi alle polizze Rc Auto nel Sud.

Secondo l’associazione di consumatori, esistono infatti aree del paese dove assicurare una automobile rimane ancora proibitivo, e cresce il divario tariffario tra nord e sud Italia.
Basti pensare che a Napoli si spende mediamente poco più di 1.000 euro per una polizza rc auto. Ma si possono raggiungere anche i 2.800 euro. In Valle D’ Aosta bastano 310 euro, e circa 360 euro è il costo medio dell’ rc auto in Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.

Non ci risulta che al sud Italia si registrino riduzioni sul fronte delle assicurazioni e anzi le differenze tariffarie appaiono del tutto ingiustificate, considerato il calo delle truffe e le norme sulle lesioni lievi che hanno determinato una riduzione dei costi in capo alle assicurazioni, conclude la nota del Codacons.

Fonte: Askanews