Renault Scénic, una storia che dura da 20 anni

Renault Scénic, una storia che dura da 20 anni

Renault Scénic, una storia che dura da 20 anni

Prima monovolume compatta del mercato, Renault Scénic festeggia i 20 anni di storia con oltre 5 milioni di vetture vendute (472mila in Italia)

chiudi


Era nella cornice del Salone dell’Automobile di Francoforte del 1991 che Renault presentò una concept-car che anticipava la prima generazione di Mégane Scénic. Patrick Léquement, Direttore del Design Renault dell’epoca, stava lavorando al progetto già dal 1988, quando iniziò a elaborare l’idea di una monovolume compatta familiare. La concept-car venne presentata al Salone di Francoforte con il nome di Scénic, acronimo di Safety Concept Embodied in a New Innovative Car. Nomen omen: esso era portatore dei concetti che Léquement intendeva esprimere con il nuovo prototipo: sicurezza e innovazione, il tutto ovviamente declinato in una dimensione famigliare. Il nome, inoltre, riprende anche il significato inglese di “panoramico”, lasciando facilmente intuire che grazie alla seduta in posizione rialzata si può scorgere tutto.

Il prototipo diventerà realtà cinque anni dopo, con il lancio ufficiale sul mercato nel 1996. La nuova Renault è considerata la prima monovolume compatta della storia dell’automobile. Un’automobile da vivere, che va a collocarsi tra Espace, monovolume alto di gamma commercializzata già dal 1984, e la piccola Twingo, maneggevole city-car proposta sul mercato nel 1993. La sua architettura modulare rivoluzionaria fecero della Renault Scénic una vera novità nel panorama automobilistico dell’epoca, tanto da conquistarsi il titolo di Auto dell’anno nel 1997.

Renault Scénic, dopo la prima generazione

In seguito al successo della prima generazione, il concetto di monovolume compatta è stato ripreso anche da altri costruttori automobilistici. La Renault Scénic presentò un primo restyling nel 2003 per restare competitiva contro una crescente concorrenza. Il design della seconda generazione di Scénic si ispira a quello di Mégane II berlina e ne riprende la compattezza e le linee decise, più geometriche rispetto ad un primo prototipo dalle forme arrotondate. Nonostante il restyling, Scénic conserva un abitacolo accogliente e spazioso e la sua vocazione familiare. L’obiettivo era quello di conciliare l’abitabilità di una monovolume e il piacere di guida di una berlina.

La terza generazione è stata presentata in anteprima al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra del 2009. La principale novità di questa generazione è la presentazione di due declinazioni differenti della monovolume: Scénic e Grand Scénic. Entrambi i modelli sono caratterizzati da evoluzioni nel design che conferiscono loro più personalità e dinamismo, abbandonando lo stile ludico dei primi modelli per avvicinarsi a un design più elegante e pulito.