Revisione patente: ecco quando viene richiesta

Revisione patente: ecco quando viene richiesta

Revisione patente: ecco quando viene richiesta

Revisione patente di guida, ecco tutto quello che c’è da sapere: cosa è, come funziona e quando viene richiesta

chiudi

Caricamento Player...

La revisione della patente di guida generalmente è disposta dal Prefetto e dalla Motorizzazione Civile quando si verificano particolari casi o condizioni di cattiva condotta da parte dell’automobilista. Solitamente avviene in caso di gravissimo incidente causato da una violazione o comportamento errato alla guida oppure in caso di ripetute violazioni del Codice della Strada. Una volta revocata la licenza di guida, l’automobilista è tenuto a sostenere nuovamente l’esame teorico e pratico per poter nuovamente rimettersi alla guida.

Revisione patente

La revisione della patente è ordinata:

  • quando sussistono gravi dubbi sui requisiti fisici e psichici prescritti dal Codice della Strada;
  • quando sorgono dubbi sulla possibile mancanza di idoneità tecnica del conducente;
  • nel caso venga prescritta visita medica o esame di idoneità tecnica al conducente.

In caso di esito negativo della visita medica o dell’esame di idoneità scatta immediatamente la revoca della licenza di guida. Se, invece, viene documentato la mancanza temporanea dei requisiti fisici la patente viene solo sospesa sino al ripresentarsi dei requisiti richiesti per legge. La revoca della patente, disposta dal Prefetto, dalla Motorizzazione Civile e anche dall’Autorità Giudiziaria, provoca l’annullamento permanente della licenza di guida e viene disposta in particolari casi:

  • perdita permanente dei requisiti fisici o se il titolare non è più in possesso dei requisiti morali previsti dalla legge;
  • nel momento in cui il titolare, sottoposto ad esame di revisione, venga bocciato;
  • nel momento in cui la patente viene sostituita con patente estera;
  • nel momento in cui il titolare circola con sospensione patente in corso.

Ritiro e sospensione

Il ritiro immediato della patente, invece, viene disposto dagli agenti del traffico nel momento in cui vengono accertate gravi violazioni del Codice della Strada. La patente viene ritirata per poi essere consegnato dopo che il titolare ha adempiuto alle irregolarità commesse. Ecco i casi che prevedono ritiro immediato della patente:

  • quando il titolare guida con patente scaduta
  • quando il titolare non si sottopone ad esame di revisione entro i termini prescritti
  • quando il titolare guida in stato di ebbrezza
  • a seguito di ripetute violazioni del Codice della Strada

La sospensione della patente, invece, vieta al titolare di guidare per un determinato periodo di tempo in base all’irregolarità commessa. Ecco alcuni casi:

  • quando il titolare circola contromano in curva
  • quando non viene rispetto l’obbligo di precedente o viene effettuata inversione di marcia in autostrda
  • quando si supera di più di 40km il limite di velocità
  • quando il titolare non da precedenza ai tram o treni
  • quando il titolare scappa senza prestare primo soccorso in caso di incidente.