Ripulire i contatti della batteria ossidati, come fare

Ripulire i contatti della batteria ossidati, come fare

Ripulire i contatti della batteria ossidati, come fare

Ripulire i contatti della batteria: un lavoro rapido e indolore

chiudi


Ripulire i contatti della batteria dell’auto può diventare necessario se l’auto rimane ferma per molto tempo e non c’è passaggio di corrente elettrica. Può anche capitare, ma è più raro, quando la batteria rimane installata per un lunghissimo periodo di tempo. Per fortuna, farla tornare come nuova è davvero una passeggiata. Non servono strumenti particolari, solo un po’ di bicarbonato!

Come procedere

Per prima cosa, indossate un paio di guanti per proteggervi le mani: bastano quelli in PVC che usano di solito i meccanici. Poi è necessario scollegare la batteria. Bisogna procedere un polo per volta, prima il negativo e poi il positivo, con una chiave inglese delle dimensioni corrette, e preoccuparsi di isolare le terminazioni che rimangono scoperte e penzolanti nel vano motore (per maggiori dettagli, consultate la nostra guida dedicata).  A questo punto, preparate in una piccola bacinella un bicchiere di acqua molto calda (circa 300 ml) e versateci dentro un cucchiaio di bicarbonato. Prendete una piccola spazzola sufficientemente rigida (si può anche usare uno spazzolino vecchio, per esempio), intingetela nella soluzione e strofinate un po’ sui contatti della batteria. Lo sporco dovrebbe venire via con relativa facilità: per ogni contatto dovrebbe bastare un paio di minuti. Potete poi immergere le terminazioni dei cavi per qualche secondo nella soluzione in modo da ripulire anch’esse.

Completare l’opera

Prima di riconnettere la batteria, risciacquate tutte le parti con acqua fredda, sinceratevi di aver rimosso per bene tutto il bicarbonato e asciugate tutto con molta cura usando un panno carta. A questo punto, non vi resta che ricollegare la batteria (prima il polo positivo poi il negativo). Potete anche pensare di lubrificare i contatti con un olio sintetico apposito, se volete garantirvi la massima resistenza nel tempo.

Fonte foto copertina: PTP